Set 26, 2016

Garante della Privacy: il datore di lavoro non può controllare in maniera indiscriminata la posta elettronica e la navigazione web dei suoi lavoratori.

privacy-in-internet-and-email

Recentemente, il Garante della Privacy ha vietato a un’università italiana il monitoraggio massivo delle attività in Internet dei propri dipendenti.

Il caso era stato denunciato dal personale tecnico-amministrativo e docente per violazione della propria privacy e controllo a distanza.

Durante l’istruttoria, l’amministrazione ha sostenenuto che l’attività di monitoraggio erb e email era attivata saltuariamente, solo in caso di rilevamento di software maligno e di violazioni del diritto d’autore, e ha inoltre aggiunto che non venivano trattati dati personali dei dipendenti connessi alla rete.

L’istruttoria del Garante ha invece evidenziato che tutti i dati raccolti erano chiaramente riconducibili ai singoli utenti, anche grazie al tracciamento puntuale degli indirizzi Ip (indirizzo Internet) e dei Mac Address (identificativo hardware) dei diversi pc assegnati ai dipendenti.

L’infrastruttura adottata dall’Università consentiva la verifica costante e indiscriminata degli accessi utenti alla rete e all’email utilizzando sistemi e software che operavano in background e non necessari per lo svolgimento delle attività lavorative, violando lo Statuto dei Lavoratori (anche nella nuova versione modificata dal cosiddetto Jobs Act) che in caso di controllo a distanza prevede l’adozione di specifiche garanzie per il lavoratore.

Per ultimo, l’Università non aveva fornito agli utilizzatori della rete un’idonea informativa privacy, se non una mera comunicazione al personale del regolamento relativo al corretto utilizzo delle attrezzature informatiche, violando così il principio di liceità alla base del trattamento.

“Il datore di lavoro non può controllare a tappeto email e web del lavoratore”

ROMA – Il datore di lavoro non puù controllare in maniera indiscriminata la posta elettronica e la navigazione web dei suoi lavoratori. Perché questo è in contrasto con il Codice della privacy e con lo stesso Statuto dei lavoratori. La decisione è stata adottata dal Garante, che ha vietato a un’università il monitoraggio massivo delle attività in Internet dei propri dipendenti.


Altri articoli di questo periodo relativi al tema del controllo e dei suoi limiti da parte del datore di lavoro delle attività internet dei propri lavoratori:

I lavoratori devono essere informati. Il datore di lavoro non può spiare le mail
Intervento di Antonello Soro, Presidente Garante privacy

I lavoratori devono essere informati. Il datore di lavoro non può spiare… – Garante Privacy

I lavoratori devono essere informati. Il datore di lavoro non può spiare le mail Intervento di Antonello Soro, Presidente del Garante per la protezione dei dati personali Ma davvero, da oggi, i lavoratori europei potranno essere spiati dai loro datori di lavoro?

Corte di Strasburgo: l’email aziendale può essere controllata e portare al licenziamento

Corte di Strasburgo: l’email aziendale può essere controllata e portare al licenziamento

lavoro Un’email può costare il posto il lavoro. Anche se il contenuto è personale. A decretarlo, mentre in Italia si dibatte sul controllo a distanza previsto dal Jobs Act, la Corte europea dei diritti umani, che in una sentenza ha stabilito che una società privata non viola il diritto alla privacy di un dipendente quando controlla le sue comunicazioni sugli account aziendali.

Controllo delle e-mail aziendali e rischio di licenziamento: facciamo chiarezza!

http://www.mmlex.it/controllo-delle-e-mail-aziendali-e-rischio-di-licenziamento-facciamo-chiarezza/

Può il datore di lavoro leggere la mail aziendale del dipedente?

Può il datore di lavoro leggere la mail aziendale del dipedente?

Può il datore di lavoro leggere la mail aziendale del dipedente? Può il datore di lavoro leggere la mail aziendale del dipendente? Risponde l’Agenzia Investigativa EUROPOL: Lo Statuto dei Lavoratori, Art.

Jobs Act, ora l’azienda può controllare il lavoratore usando smartphone e pc

Jobs Act, ora l’azienda può controllare il lavoratore usando smartphone e pc – Il Fatto Quotidiano

Computer, tablet, smartphone e badge. Con il Jobs act, tutti questi strumenti di lavoro potranno essere controllati dall’azienda senza un precedente accordo sindacale. E sulla base dei dati raccolti, l’impresa potrà prendere provvedimenti disciplinari nei confronti dei dipendenti. Si tratta di una delle novità più delicate previste dal decreto semplificazioni della riforma del lavoro, approvato in via …

Set 24, 2016

Ricerca sul tecnostress nei lavoratori “Exploring Technostress: Results of a Large Sample Factor Analysis”

tecnostress-ricerca

Frugando in rete in questi gorni di fine estate ho trovato questa bella ricerca “Exploring Technostress: Results of a Large Sample Factor Analysis” di Steponas Jonušauskas (Business Management School Mykolas Romeris University, Vilnius, Lithuania) e Agota Giedre Raisiene (Faculty of Politics and Management, Mykolas Romeris University, Vilnius, Lithuania).

La ricerca, progettata sulla base dell’analisi fattoriale, è stata svolta su di un campione composto da 1013 individui che fanno uso di ICT nel loro lavoro quotidiano, con un questionario di 68 domande finalizzate a identificare cause e conseguenze del tecnostress.

L’approfondita costruzione delle domande. suddivise in elementi chiave del tecnostress, possono essere utili a coloro che vogliono progettare modelli di valutazione e/o scale di misurazione del tecnostress.

Exploring Technostress: Results of a Large Sample Factor Analysis
Steponas Jonušauskas, Agota Giedre Raisiene

Abstract
With reference to the results of a large sample factor analysis, the article aims to propose the frame examining technostress in a population.

The survey and principal component analysis of the sample consisting of 1013 individuals who use ICT in their everyday work was implemented in the research. 13 factors combine 68 questions and explain 59.13 per cent of the answers dispersion.

Based on the factor analysis, questionnaire was reframed and prepared to reasonably analyze the respondents’ answers, revealing technostress causes and consequences as well as technostress prevalence in the population in a statistically validated pattern.

A key elements of technostress based on factor analysis can serve for the construction of technostress measurement scales in further research.

Clicca qui per scaricare il testo completo della ricerca in pdf

Set 20, 2016

Nomofobia, invadenza smartphone e Digital Amnesia: tre articoli da leggere con interesse.

digital-amnesia

Tre articoli dalla stampa estiva su Nomofobia, invadenza degli smartphone sul luogo di lavoro e necessità di specifiche  policy e ‘Digital Amnesia‘ da leggere con interesse.


E’ tempo di connettersi! La Nomofobia e la paura di essere offline.

Internet può causare dipendenza se l’uso della rete è fatto a discapito del lavoro e delle relazioni, portando conseguenze negative sulla vita quotidiana.

Dipendenza da Smartphone e Internet: cos’è la Nomofobia?

Un tempo, almeno così si racconta, c’era una separazione netta tra tempo connesso e tempo disconnesso, tra relazione sociale e spazio privato, tra spazio pubblico e ritiro nell’anima. Le comunicazioni mediate da internet hanno interrotto la dicotomia tra comunicazione scritta e comunicazione orale.


Distracted at Work: Why every workplace needs a mobile phone policy.

People nowadays have the need to constantly be connected. Mobile phone manufacturers have made it even easier for workers to connect, which can be a major distraction at work.

Distracted at Work: Why every workplace needs a mobile phone policy

People nowadays have the need to constantly be connected. Mobile phone manufacturers have made it even easier for workers to connect, which can be a major distraction at work. A cause for concern Australia has the 9 th highest number of smartphone subscriptions (19 million) in the world.


Kaspersky Lab: Digital Amnesia anche sul posto di lavoro.

Secondo una nuova indagine commissionata da Kaspersky Lab, gli impiegati sopravvalutano la propria capacità di essere multi-tasking. La Digital Amnesia, l’esperienza di dimenticare le informazioni affidate a un dispositivo digitale, ha quindi un impatto significativo anche sul luogo di lavoro, perché dispositivi potenzialmente pericolosi possono essere gli unici a tenere traccia delle conversazioni.

SICUREZZA IT-Kaspersky Lab: Digital Amnesia anche sul posto di lavoro – impresamia.com

Secondo una nuova indagine commissionata da Kaspersky Lab, gli impiegati sopravvalutano la propria capacità di essere multi-tasking: pensano di poter scrivere al computer e ascoltare attentamente allo stesso tempo, ma non è così. La Digital Amnesia, l’esperienza di dimenticare le informazioni affidate a un dispositivo digitale, ha quindi un impatto significativo anche sul luogo di …

Set 17, 2016

Allerta di Richard Stallman su smartphone e privacy.

Richard Stallman, attivista e intellettuale newyorkese capofila del movimento per il software libero, in tournee in Italia quest’estate, ci dice la sua su cellulari e privacy in una intervista su Corriere.it:

«La democrazia e le libertà individuali sono a repentaglio ugualmente. Avere un cellulare oggi significa essere costantemente sotto la minaccia della tracciabilità. E non solo. Ogni dispositivo ha una backdoor universale comandabile da remoto che può trasformare in qualsiasi momento il nostro microfono in un registratore permanente. Anche se non stiamo parlando al telefono o ad apparecchio spento. È quello che ho chiamato “Stalin’s dream”, il sogno di Stalin. L’unica soluzione è usarli il meno possibile. Una democrazia che si rispetti sa tutelare i suoi cittadini, a partire dai suoi dissidenti».

“Soggiogati da Windows e iPhone” l’eterna battaglia di Richard Stallman

L’attivista, 63 anni, da anni combatte contro le corporation del software a favore della libera circolazione dei programmi: “Vogliamo liberare i nostri pc, a cominciare dalle scuole. Gli utenti sono sotto scacco e la lobby ha conquistato la politica”

Richard Stallman’s Personal Page

Political Articles | Political Notes | Travel Experiences | Travel Photos | Fiction | Books | Sayings | Personal Ad | Humor | Non-Political Articles | RMS personal FAQ | GPG Key | Scientific Links | Airlines | Humorous Bio | Comics | Empire of the Megacorporations | There Ought to Be a Law | Media/Press/Bio | Links | Archive | Thanks |

Set 10, 2016

Ricerca: Technostress, theoretical foundation and empirical evidence

TheoreticalIn questi giorni d’estate, facendo delle ricerche su internet, ho trovato questa vasta e bella ricerca di Christian Maier (Università di Bamberg – Germania) che fa il punto sul tecnostress in una serie di Paper dedicati ad aspetti diversi ed estremamente specifici: il tecnostress al lavoro, il tecnostress nella vita privata, il tecnostress e la dipendenza dell’utilizzatore, il tecnostress e la personalità dell’utilizzatore, le reazioni psicopatologiche al tecnostress.

Si tratta di un lavoro molto interessante. Qui sotto l’indice completo della ricerca, per scaricare la ricerca completa clicca sull’immagine, oppure clicca qui.

Indice della ricerca

Introductory Paper – Technostress: Theoretical foundation and empirical evidence

Chapter I: Technostress in work life


Paper I – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Analyzing the impact of HRIS implementations on HR personnel’s job satisfaction and turnover intention
, The Journal of Strategic Information Systems (22:3)

Paper II – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt; Information technology as daily stressor: Pinning down the causes of burnout, Forthcoming in: Journal of Business Economics

Chapter II: Technostress in private life

Paper III – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Online social networks as a source and symbol of stress: An empirical analysis, Proceedings of the 33rd International Conference on Information Systems (ICIS), Orlando (FL), USA

Paper IV – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Giving too much social support: Social overload on social networking sites, Forthcoming in: European Journal of Information Systems

Paper V – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Explaining technical and social stressors in techno-social systems: Theoretical foundation and empirical evidence

Paper VI – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Should I stay or should I go? Theorizing and analyzing behavior change in technostress research

Chapter III: Technostress and user addiction

Paper VII – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; The duality of the negative side of social networking sites: Theorizing exhaustion and addiction as opposing factors influencing IT non-usage

Chapter IV: Technostress and user personality

Paper VIII – Christian Maier; Personality within information systems research: A literature analysis, Proceedings of the 20th European Conference on Information System (ECIS), Barcelona, Spain

Paper IX – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Using user personality to explain the intention-behavior gap and changes in beliefs: A longitudinal analysis
, Proceedings of the 33rd International Conference on Information Systems (ICIS), Orlando (FL), USA

Chapter V: Psychophysiological reactions to technostress

Paper X – Andreas Eckhardt, Christian Maier, J. J. Po-An Hsieh, Tim Chuk, Antoni B. Chan, Janet H. Hsiao, Ricardo Buettner
; Objective measures of IS usage behavior under conditions of experience and pressure using eye fixation data, Proceedings of the 34th International Conference on Information Systems (ICIS), Milan, Italy

Pagine:«123456789...49»
error: Content is protected !!