Browsing articles tagged with " Notizie"
Set 26, 2016

Garante della Privacy: il datore di lavoro non può controllare in maniera indiscriminata la posta elettronica e la navigazione web dei suoi lavoratori.

privacy-in-internet-and-email

Recentemente, il Garante della Privacy ha vietato a un’università italiana il monitoraggio massivo delle attività in Internet dei propri dipendenti.

Il caso era stato denunciato dal personale tecnico-amministrativo e docente per violazione della propria privacy e controllo a distanza.

Durante l’istruttoria, l’amministrazione ha sostenenuto che l’attività di monitoraggio erb e email era attivata saltuariamente, solo in caso di rilevamento di software maligno e di violazioni del diritto d’autore, e ha inoltre aggiunto che non venivano trattati dati personali dei dipendenti connessi alla rete.

L’istruttoria del Garante ha invece evidenziato che tutti i dati raccolti erano chiaramente riconducibili ai singoli utenti, anche grazie al tracciamento puntuale degli indirizzi Ip (indirizzo Internet) e dei Mac Address (identificativo hardware) dei diversi pc assegnati ai dipendenti.

L’infrastruttura adottata dall’Università consentiva la verifica costante e indiscriminata degli accessi utenti alla rete e all’email utilizzando sistemi e software che operavano in background e non necessari per lo svolgimento delle attività lavorative, violando lo Statuto dei Lavoratori (anche nella nuova versione modificata dal cosiddetto Jobs Act) che in caso di controllo a distanza prevede l’adozione di specifiche garanzie per il lavoratore.

Per ultimo, l’Università non aveva fornito agli utilizzatori della rete un’idonea informativa privacy, se non una mera comunicazione al personale del regolamento relativo al corretto utilizzo delle attrezzature informatiche, violando così il principio di liceità alla base del trattamento.

“Il datore di lavoro non può controllare a tappeto email e web del lavoratore”

ROMA – Il datore di lavoro non puù controllare in maniera indiscriminata la posta elettronica e la navigazione web dei suoi lavoratori. Perché questo è in contrasto con il Codice della privacy e con lo stesso Statuto dei lavoratori. La decisione è stata adottata dal Garante, che ha vietato a un’università il monitoraggio massivo delle attività in Internet dei propri dipendenti.


Altri articoli di questo periodo relativi al tema del controllo e dei suoi limiti da parte del datore di lavoro delle attività internet dei propri lavoratori:

I lavoratori devono essere informati. Il datore di lavoro non può spiare le mail
Intervento di Antonello Soro, Presidente Garante privacy



I lavoratori devono essere informati. Il datore di lavoro non può spiare… – Garante Privacy

I lavoratori devono essere informati. Il datore di lavoro non può spiare le mail Intervento di Antonello Soro, Presidente del Garante per la protezione dei dati personali Ma davvero, da oggi, i lavoratori europei potranno essere spiati dai loro datori di lavoro?

Corte di Strasburgo: l’email aziendale può essere controllata e portare al licenziamento

Corte di Strasburgo: l’email aziendale può essere controllata e portare al licenziamento

lavoro Un’email può costare il posto il lavoro. Anche se il contenuto è personale. A decretarlo, mentre in Italia si dibatte sul controllo a distanza previsto dal Jobs Act, la Corte europea dei diritti umani, che in una sentenza ha stabilito che una società privata non viola il diritto alla privacy di un dipendente quando controlla le sue comunicazioni sugli account aziendali.

Controllo delle e-mail aziendali e rischio di licenziamento: facciamo chiarezza!

http://www.mmlex.it/controllo-delle-e-mail-aziendali-e-rischio-di-licenziamento-facciamo-chiarezza/

Può il datore di lavoro leggere la mail aziendale del dipedente?

Può il datore di lavoro leggere la mail aziendale del dipedente?

Può il datore di lavoro leggere la mail aziendale del dipedente? Può il datore di lavoro leggere la mail aziendale del dipendente? Risponde l’Agenzia Investigativa EUROPOL: Lo Statuto dei Lavoratori, Art.

Jobs Act, ora l’azienda può controllare il lavoratore usando smartphone e pc

Jobs Act, ora l’azienda può controllare il lavoratore usando smartphone e pc – Il Fatto Quotidiano

Computer, tablet, smartphone e badge. Con il Jobs act, tutti questi strumenti di lavoro potranno essere controllati dall’azienda senza un precedente accordo sindacale. E sulla base dei dati raccolti, l’impresa potrà prendere provvedimenti disciplinari nei confronti dei dipendenti. Si tratta di una delle novità più delicate previste dal decreto semplificazioni della riforma del lavoro, approvato in via …

Mostra “Lo stress lavoro correlato – Manifesti della sicurezza” promossa da AiFOS

manifesto mostra stress aifos

AiFOS – l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro – è partner della campagna dell’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro: “ Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro correlato”, che ha l’obiettivo di migliorare la consapevolezza e la gestione del rischio stress nei luoghi di lavoro.

In questa logica, AiFOS ha condotto nei mesi passati un’indagine conoscitiva per conoscere come le aziende affrontano la valutazione del rischio stress lavoro-correlato e sta inaugurando in questi giorni la mostra “Lo stress lavoro correlato – Manifesti della sicurezza”, realizzata in collaborazione con l’Accademia Belle Arti Santa Giulia di Brescia, che verrà inaugurata alle ore 11.00 l’11 marzo 2015 a Brescia, presso lo Spazio Eventi CSMT.

La mostra, collegata ad un concorso per i migliori manifesti, coinvolge gli studenti del II anno dell’Accademia e vede l’esposizione dei quattro manifesti vincitori e di altri manifesti (circa una trentina). L’evento ha ricevuto inoltre il patrocinio dell’INAIL Direzione Regionale Lombardia e nel corso dell’anno verrà ospitato anche in altri luoghi significativi, come la Fiera Ambiente Lavoro di Bologna.

Sempre sul tema Stress lavoro-correlato, AiFOS ha in programma altri due eventi:

  • dal 14 al 15 maggio 2015 ad Anagni (Frosinone) le “Giornate di approfondimento”, durante le quali si terranno due giornate di convegni e corsi gratuiti sul tema dello stress lavoro correlato e del benessere organizzativo;
  • il 16 e 17 marzo 2015 si terrà a Brescia il corso di formazione per formatori dal titolo “Dopo la valutazione del rischio da stress lavoro correlato: esperienze di interventi organizzativi verso la ricerca del work life balance”, valido come 12 ore di aggiornamento per ASPP e RSPP di tutti i Macrosettori ATECO e come 12 ore di aggiornamento per formatori qualificati terza area tematica.

 

Mag 26, 2014

Tecnostress e dipendenza da Social Network: tre notizie brevi di questi giorni.

Look Down Parody

In questi giorni, tre diverse notizie cucite insieme dall’unico filo della dipendenza da Social Network hanno furoreggiato sul web, in un trionfo di condivisioni. Le riporto a mo’ di review. Che sia l’inizio di una consapevolezza più generale sul tema tecnostress e sindromi correlate?

“Look up: Siamo diventati una generazione di idioti”: il video di Gary Turk contro la schiavitù dei social network.

1a notizia: la schiavitù da cellulari e social network è così evidente nelle nostre vite che ormai rivolgiamo sempre di più lo sguardo in basso. Gary Turk, filmmaker inglese, guarda in alto e con il suo video “Look up” cerca di risvegliare le coscienze, denunciando il livello di saturazione da social che pervade le nostre vite e mettendo in evidenza il serio problema della perdita di socialità tra gli esseri umani. Il video seguente è sottotitolato in Italiano.


 Marc Maron: The Social Media Generation Animated” – short novel disegnata da Zen Pencils che racconta l’overdose da social network.

2a notizia: E’ uscita la short novel disegnata dal cartoonist Zen Pencils e ispirata al comico Marc Maron, rivolta alla Generazione X, quella nata tra i 60 e gli 80. La storia racconta che questa generazione – troppo vecchia per il nuovo e troppo giovane per essersi goduta i rampanti anni 70 – dovrebbe riconsiderare l’approccio morboso che ha nei confronti della tecnologia.


iDon’t, l’App che ci salverà dallo smartphone

3a notizia: Un italiano ha inventato iDon’t, la prima App che misura il grado di dipendenza da smartphone che blocca tutte quelle applicazioni che ci stanno assorbendo troppo tempo.

Un test d’ingresso di dieci domande stabilisce il grado di dipendenza e in base a questo suggerisce il numero di ore da trascorrere sulle vostre App preferite nell’arco della giornata.

Passato questo lasso di tempo iDon’t le blocca tutte ad eccezione di quelle di sistema, cioè telefono, mail ed sms. L’app per ora è disponibile solo per le piattaforme Android, ma a breve verrà rilasciata anche la versione Ios.

dont-1      dont-2

 

Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro correlato: campagna europea biennale 2014/2015 dell’agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA)

banner-it

La diffusione dello stress lavoro-correlato in Europa è allarmante. L’ultimo sondaggio d’opinione paneuropeo dell’EU-OSHA (qui il report completo in inglese, e qui il report dati Italia) ha rivelato che il 51% dei lavoratori riferisce che lo stress lavoro correlato è comune nel proprio luogo di lavoro e quattro lavoratori su dieci pensano che lo stress non venga gestito adeguatamente all’interno della loro organizzazione. Tuttavia, insieme i datori di lavoro e i lavoratori possono gestire e prevenire con successo lo stress lavoro-correlato e i rischi psicosociali; la campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri mira ad aiutare le aziende a fare proprio questo.

Ieri 7 aprile a Bruxelles, l’agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) ha lanciato una campagna biennale 2014/2015 a livello europeo: “Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro correlato”.

Il compito principale della campagna è sensibilizzare sulla tematica dello stress e dei rischi psicosociali sul posto di lavoro e incoraggiare i datori di lavoro, i dirigenti, i lavoratori e i loro rappresentanti a collaborare per la gestione di queste tipologie di rischi.

La campagna è supportata con uno specifico website (in tutte le lingue della comunità!) che trovate in italiano a questo indirizzo, eccezionalmente ricco di documenti e di strumenti.

l documento principale è sicuramente la guida alla campagna, che ne illustra i principi e gli obiettivi principali, riporta le definizioni di stress e rischi psicosociali e contiene fatti e cifre utili a sostegno delle attività di sensibilizzazione.

Una gestione efficace dei rischi psicosociali crea un ambiente di lavoro sano e sicuro, migliora il benessere dei lavoratori e le prestazioni dell’azienda. Per promuovere questi risultati, la campagna è prevalentemente incentrata sui seguenti aspetti:

  • sensibilizzare circa il problema crescente dello stress lavoro-correlato e dei rischi psicosociali;
  • fornire e promuovere l’uso di strumenti semplici e pratici per la gestione dei rischi psicosociali e dello stress nel luogo di lavoro;
  • evidenziare gli effetti positivi della gestione dei rischi psicosociali e dello stress lavoro-correlato, compresi i vantaggi economici.

La guida alla campagna spiega il quadro generale del problema e le motivazioni per cui è così importante affrontarlo. Illustra i segnali di allerta e le modalità di prevenzione e gestione dei rischi psicosociali, fornendo informazioni sulle risorse disponibili. Infine, poiché la partecipazione è fondamentale per il successo della campagna, la guida contiene numerosi spunti di ispirazione e idee su come partecipare.

Oltre ai contenuti divulgativi della sezione ‘Stress lavoro-correlato e rischi psicosociali’ segnalo, in particolare, gli ‘Strumenti Pratici‘ presenti nella sezione  ‘Strumenti e Risorse’. Molti di questi strumenti sono particolarmente utili per le piccole imprese, perché consentono loro di adempiere agli obblighi di legge e di migliorare le prestazioni dell’organizzazione. Gli strumenti mostrano come avviene la valutazione dei rischi psicosociali e come attuare le azioni rivolte all’eliminazione o alla riduzione di tali rischi, anche con limitate risorse a disposizione.

Sempre in questa sezione, da tenere d’occhio il futuro rilascio in lingua italiana della “Guida elettronica ai rischi psicosociali“, rivolta in modo particolare ai dipendenti di microimprese e piccole imprese, che offre informazioni sulla gestione dello stress lavoro-correlato e i rischi psicosociali sul luogo di lavoro, con l’obiettivo di favorire la comprensione generale e sensibilizzare i luoghi di lavoro su questi problemi.

Dalla sezione ‘Centro Stampa’ vi propongo anche il video ufficiale della campagna:

E le tre belle infografiche sul rischio stress lavoro correlato:

infographic_1_it_2

infographic_2_it_2

infographic_3_en_2

Per ultimo, segnalo che c’è una specifica sezione per partecipare direttamente alla campagna:

  • divulgando e pubblicizzando il materiale della campagna;
  • organizzando eventi e attività quali seminari e workshop;
  • utilizzando e promuovendo gli strumenti pratici disponibili per la gestione dello stress lavoro-correlato e dei rischi psicosociali;
  • partecipando al concorso europeo Premio per le buone prassi;
  • partecipando alla Settimana europea per la sicurezza e la salute sul lavoro;
  • diventando partner ufficiale della campagna;
  • diventando media partner.

Oltre a questo sito specificamente dedicato alla campagna biennale, maggiori informazioni sullo stress lavoro-correlato e sulla gestione dei rischi psicosociali sul lavoro sono disponibili sul sito dell’EU-OSHA.

 

Mag 10, 2013

Lavorare con gli smartphones e il tablets: il sindacato olandese FNV pubblica una ricerca sui rischi per i lavoratori di smartphones e tablets.

smartphone-cellulare-al lavoro

Come ben sappiamo, l’utilizzo di smartphones e tablet aziendali per lo svolgimento di attività lavorative comporta sia la presenza di rischi ben noti per la salute (prevalentemente rischi psicosociali e rischi muscolo-scheletrici e osteo-articolari), sia la dilatazione dei tempi di lavoro all’interno dei tempi di vita privata, con un significativo aumento delle attività lavorative – quasi mai retribuite oltre al nrmale stipendio – e una contrazione del tempo libero individuale.

Su questo tema sta ragionando il FNV, un sindacato olandese che ha commissionato all’Università di Amsterdam una ricerca sui rischi per i lavoratori di smartphones e tablets. La ricerca è in in lingua olandese e potete scaricarla integralmente al termine di questo articolo, il comunicato stampa di presentazione della ricerca è presente a questa pagina ed è in inglese. L’ho tradotta per voi e potete leggerla di seguito.

Smartphone sul lavoro: sindacati olandesi sollevano timori per la salute (ricerca)

Più di 800.000 smartphone e tablet sono stati venduti nel 2012 – non tutti per uso privato. Un numero crescente di datori di lavoro hanno fornito al loro personale queste tecnologie, specialmente nel “knowledge business”. La Confederazione Sindacale Olandese FNV – preoccupata per l’impatto potenziale sulla salute dei lavoratori di un uso eccessivo di questi nuovi strumenti di lavoro,  ha commissionato un rapporto all’Università di Amsterdam che è stato pubblicato a fine dicembre 2012.

Il rapporto si intitola “Techno-Stress” e fa il punto su rischi emergenti da uso eccessivo di smartphone e tablet passando in rassegna la letteratura scientifica sulle minacce per la salute – principalmente rischi psicosociali  e disturbi muscoloscheletrici.

Dato che non è ancorara stata fatta nessun lavoro di indagine epidemiologica, l’autore del rapporto Jan Popma si basa principalmente sui dati di una ricerca svolta tra giovani utenti ancora in formazione, arricchita dai risultati di un sondaggio online a cui hanno preso parte 250 membri FNV.

La relazione si concentra principalmente sui rischi psicosociali derivanti dall’uso sul lavoro di smartphone e tablet in termini di “tecno-stress” (“ogni impatto negativo sugli atteggiamenti, pensieri, comportamenti o fisiologia del corpo che è causato direttamente o indirettamente dalla tecnologia”) , “tecno-dipendenza” (uso compulsivo continuo, anche quando l’attività è manifestamente dannosa) e “techno-invasione” (situazioni in cui il confine tra lavoro e vita privata è eliminato).

L’autore cita un sondaggio 2011 fatto tra 3.700 dipendenti. Uno su otto dei partecipanti di età compresa tra 22 e i 34 anni controllano il proprio cellulare più di dieci volte all’ora durante il loro tempo libero (“tempi morti”), e uno su tre controlla la propria e-mail subito dopo il risveglio, anche prima di vestirsi o la prima colazione, mentre il 29% dei “lavoratori mobili” che hanno preso parte (in tutte le categorie di età) ammette che il loro utilizzo della tecnologia mobile ha creato tensioni nelle loro relazioni personali, soprattutto con il partner.

Questo rapporto evidenzia anche alcuni risultati ‘controintuitivi’ presenti nell’uso di lavoro delle nuove tecnologie di comunicazione. Anche se lo scopo della presenza tecnologica è di aumentare l’efficienza e la produttività, la possibilità di azione incontrollata sulle tecnologie stesse favorisce un distrubo continuo dello svolgimento del lavoro. Ad esempio le interruzioni per rispondere alle email in arrivo comportano una significativa rottura nella concentrazione del lavoro in corso e compromettono la qualità stessa del lavoro.

Dove la salute fisica è interessato, il rapporto individua il rischio di problemi alle dita, ai polsi, al collo e alle spalle. Il famoso “Blackberry Thumb”, il pollice da Blackberry (un cenno al precursore dello smartphone) è diventato stenografia comune. “Le condizioni ergonomiche in cui i lavoratori mobili lavorano probabilmente non raggiungono  i requisiti delle leggi dell’ambiente di lavoro”, avverte l’autore.

Le raccomandazioni dell’autore includono la limitazione delle e-mail al di fuori degli orari di ufficio. Egli indica la recente decisione di Volkswagen Germania di vietare e-mail a un dipendente di telefonia mobile  oltre i 30 minuti dopo aver terminato il lavoro.

“E ‘tempo per i sindacati di avviare negoziati per identificare chiaramente qual è il ‘tempo di lavoro effettivo‘ considerando i continui ‘start and stop’ dovuti all’utilizzo delle comunicazioni mobili.Non bisogna pensare di aspettarsi che i dipendenti siano disponibili per lavoro per tutte le ore dei giorno senza nessun guadagn extra” dice l’esperto di salute e sicurezza sul lavoro FNV Wim Van Veelen.

Scarica questa ricerca (in lingua olandese!) “Popma J. (2012) Techno-stress. Verkenning van een risico in opkomst (pdf 855 Kb)
, Universiteit van Amsterdam- Hugo Sinzheimer Instituut” cliccando qui

Pagine:1234»

Categorie degli articoli

error: Content is protected !!