Browsing articles tagged with " Pubblicazioni"
Nov 28, 2016

Tecnostress: sfide e rischi dell’innovazione tecnologica.

bil

Articolo divulgativo del dicembre 2015 sul tema del tecnostress tratto dalla rivista specializzata “Ambiente&Sicurezza sul Lavoro” con intervista a Sara Stabile (chimico e Ricercatore presso il Dipartimento di Medicina, Epidemiologia, Igiene del Lavoro ed Ambientale dell’INAIL) sul fenomeno del “Tecnostress”.



Nell’articolo si danno alcune pillole di informazioni generali sulla questione, si dichiarano l’importanza di formazione e informazione specifica ma, quando si viene all’attività pratica, si enuncia la presenza di un solo progetto – peraltro regionale – e in modo abbastanza incomprensibile.

E’ passato un’anno da allora. In questo tempo INAIL avrebbe già potuto fare molta più informazione sull’argomento tecnostress e anche qualcosa di pratico (che so … una bella linea guida per la valutazione in ambienti di lavoro ad alta densità tecnologica). E invece vedo tanti begli incontri, sento molte belle parole, ma non trovo mai un materiale INAIL pratico e utile per iniziare a ragionare la tutela dei lavoratori dallo stress tecnologico.

Sarò pessimista, ma mi sa che ci moriremo di tecnostress …

Clicca qui per scaricare l’articolo (pdf, 843k)

Set 10, 2016

Ricerca: Technostress, theoretical foundation and empirical evidence

TheoreticalIn questi giorni d’estate, facendo delle ricerche su internet, ho trovato questa vasta e bella ricerca di Christian Maier (Università di Bamberg – Germania) che fa il punto sul tecnostress in una serie di Paper dedicati ad aspetti diversi ed estremamente specifici: il tecnostress al lavoro, il tecnostress nella vita privata, il tecnostress e la dipendenza dell’utilizzatore, il tecnostress e la personalità dell’utilizzatore, le reazioni psicopatologiche al tecnostress.

Si tratta di un lavoro molto interessante. Qui sotto l’indice completo della ricerca, per scaricare la ricerca completa clicca sull’immagine, oppure clicca qui.

Indice della ricerca

Introductory Paper – Technostress: Theoretical foundation and empirical evidence

Chapter I: Technostress in work life


Paper I – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Analyzing the impact of HRIS implementations on HR personnel’s job satisfaction and turnover intention
, The Journal of Strategic Information Systems (22:3)

Paper II – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt; Information technology as daily stressor: Pinning down the causes of burnout, Forthcoming in: Journal of Business Economics

Chapter II: Technostress in private life

Paper III – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Online social networks as a source and symbol of stress: An empirical analysis, Proceedings of the 33rd International Conference on Information Systems (ICIS), Orlando (FL), USA

Paper IV – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Giving too much social support: Social overload on social networking sites, Forthcoming in: European Journal of Information Systems

Paper V – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Explaining technical and social stressors in techno-social systems: Theoretical foundation and empirical evidence

Paper VI – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Should I stay or should I go? Theorizing and analyzing behavior change in technostress research

Chapter III: Technostress and user addiction

Paper VII – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; The duality of the negative side of social networking sites: Theorizing exhaustion and addiction as opposing factors influencing IT non-usage

Chapter IV: Technostress and user personality

Paper VIII – Christian Maier; Personality within information systems research: A literature analysis, Proceedings of the 20th European Conference on Information System (ECIS), Barcelona, Spain

Paper IX – Christian Maier, Sven Laumer, Andreas Eckhardt, Tim Weitzel; Using user personality to explain the intention-behavior gap and changes in beliefs: A longitudinal analysis
, Proceedings of the 33rd International Conference on Information Systems (ICIS), Orlando (FL), USA

Chapter V: Psychophysiological reactions to technostress

Paper X – Andreas Eckhardt, Christian Maier, J. J. Po-An Hsieh, Tim Chuk, Antoni B. Chan, Janet H. Hsiao, Ricardo Buettner
; Objective measures of IS usage behavior under conditions of experience and pressure using eye fixation data, Proceedings of the 34th International Conference on Information Systems (ICIS), Milan, Italy

Inquinamento Ambienti Indoor: pubblicati gli Atti del workshop sull’inquinamento indoor organizzato dall’Istituto Superiore Sanità.

microclima-in-ufficio

Più volte in questo sito ci siano occupati del microclima degli uffici nei quali trascorriamo il nostro tempo di lavoro: in questo articolo dedicato a come ridurre i rischi di stampanti laser, fotocopiatrici e toner, in questo articolo Stress in ufficio? E’ ora di cambiare microclima!, e in questo articolo Microclima e stress termico da temperatura.

Numerose indagini sull’utilizzo del tempo da parte della popolazione dei paesi più sviluppati hanno rivelato che le persone – soprattutto nelle aree urbane – trascorrono pochissimo tempo all’aperto, mentre la maggiore parte del tempo viene trascorsa in ambienti chiusi (a casa, in ufficio, a scuola, sui mezzi di trasporto). Quindi la fonte di esposizione principale ad alcuni inquinanti atmosferici è rappresentata spesso proprio dalla contaminazione dell’aria indoor, sia nei luoghi pubblici (scuole, uffici e mezzi di trasporto) che nelle abitazioni.

In questi giorni sono stati pubblicati gli Atti con le relazioni presentate durante il workshop sull’inquinamento indoor, organizzato dall’Istituto Superiore Sanità nel giugno 2012.

Gli interventi sono tutti estremamente dettagliati e particolarmente specialistici, ed è drammatico leggere nero su bianco le incredibili quantità di inquinanti – chimici e biologici – che riempiono i nostri uffici e i nostri polmoni!

La pubblicazione di questi Atti ha il duplice scopo di:

– fornire una panoramica delle iniziative a livello nazionale e internazionale in termini di studi, strategie di campionamento degli inquinanti chimici e biologici, e delle norme per prevenire e/o ridurre la contaminazione dell’aria indoor;
– presentare le esperienze maturate dai componenti del Gruppo di Studio Nazionale sull’Inquinamento Indoor e dalle principali istituzioni nazionali.

Questo l’indice degli Atti:

– Presentazione
– Programma nazionale per la tutela e la promozione della salute negli ambienti confinatiAnnamaria de Martino
– Inquinamento dell’aria in ambienti confinati: orientamenti e valutazioni
 in campo nazionale e comunitarioGaetano Settimo
– Stato dell’arte dei principali progetti europei sull’inquinamento indoor – 
Rosanna Mabilia, Francesca Spataro, Antonietta Ianniello, Erica Perreca, Fabio Camerini
– Metodologie per la definizione dei contributi delle differenti sorgenti in ambienti indoor: le esperienze e i casi studioGianluigi de Gennaro, Annamaria Demarinis Loiotile, Annalisa Marzocca, Maria Tutino
– Rilevamenti inquinamento indoor: esperienza nel territorio di Fabriano Daniela Cimini, Daniel Fiacchini, Giorgia Capezzone, Virgilio Bernardi, Francesca Petruio,
Marta Grifia, Manrico Marzocchini, Angelamichaela Siciliani, Paola Tombolesi,
Gianluca Coppari, Mauro Fabbretti
– Qualità dell’aria negli ambienti confinati: le attività dell’ISPRAMaria Belli, Silvia Brini, Giorgio Cattani, Francesca De Maio, Alessandro Di Menno Di Bucchianico, Arianna Lepore, Francesco Salvi, Maria Gabriella Simeone, Luciana Sinisi,
Anna Maria Sotgiu, Giancarlo Torri, Jessica Tuscano
– Qualità dell’aria indoor: fattori di rischio biologici
 – Lucia Bonadonna
– Allergeni negli ambienti indoor: l’esperienza dell’Istituto Superiore di SanitàPatrizia Iacovacci, Barbara Brunetto, Raffaella Tinghino, Carlo Pini
– Impatto dell’inquinamento indoor, gestione della qualità dell’aria indoor e parametri di accettabilitàLuciana Indinnimeo, Annalisa di Coste
– Indagine sui composti organici volatili nell’aria indoor/outdoor di un presidio odontoiatricoAnna Santarsiero, Sergio Fuselli, Roberta Morlino, Marco De Felice,
Gianluca Minniti, Emanuela Ortolani

Nonostante il tema delll’inquinamento negli ambienti indoor, in particolare negli edifici per uffici moderni, rientri oggi nelle priorità per la sicurezza sul lavoro nelle politiche dell’Unione Europea (con la tematica strategica sull’inquinamento atmosferico e l’ambiente europeo – Thematic Strategy on Air Pollution and the European Environment -, la strategia sulla salute – Health Strategy – e il piano d’azione – Action Plan) appare oggi ancora molto difficile avviare politiche solide di prevenzione riguardo alla ventilazione, all’energia e alla salute, principalmente per la mancanza di informazioni riguardanti la tossicità di un certo numero di sostanze che inquinano l’aria degli ambienti confinati.

L’Agenzia Europea per l’Ambiente (European Environment Agency, EEA) evidenzia come la qualità dell’ambiente all’interno degli edifici è influenzata dalla qualità dell’aria ambiente, dai materiali di costruzione e dalla aerazione, dai prodotti per i consumatori inclusi gli articoli per l’arredamento, tappeti, dagli elettrodomestici e dai prodotti per la pulizia della casa, dalle abitudini comportamentali degli occupanti, inclusa l’abitudine del fumo, e dal mantenimento dell’edificio.

A livello comunitario, c’è quindi l’intenzione di promuovere una promozione integrata della qualità dell’aria negli ambienti confinati con l’obiettivo di ridurre drasticamente la presenza di inquinanti di varia natura.

Anche l’Italia, con l’ultima “Relazione sullo Stato Sanitario del Paese 2009-2010” del Ministero della Salute, rileva che: “l’inquinamento dell’aria degli ambienti confinati (indoor), non industriali, in particolare quelli adibiti a dimora, svago, lavoro (es. uffici) e trasporto, rappresenta un importante problema di sanità pubblica, con grandi implicazioni sociali ed economiche. Gli agenti inquinanti sono presenti in concentrazioni tali che, pur non determinando effetti acuti, sono tuttavia causa di effetti negativi sul benessere e sulla salute dell’uomo, soprattutto se legati a un elevato tempo di esposizione” (voce I determinanti della salute – 1. Ambiente, punto 1.2 Aria indoor).

Clicca qui per scaricare gli Atti del workshop “Problematiche relative all’inquinamento indoor: attuale situazione in Italia” – Istituto Superiore di Sanità Roma, 25 giugno 2012

 

Dic 28, 2013

Tecnostess e buona educazione: corso e volume per imparare la Netiquette sui luoghi di lavoro

Netiquette-cover

L’utilizzo intenso della tecnologia – soprattutto negli individui più giovani – danneggia la produttività e i nostri rapporti, e si esprime con comunicazioni ad alto contenuto di maleducazione tecnologica. E’ questo il risultato di un sondaggio condotto su oltre un migliaio di dirigenti aziendali sui rapporti dei loro dipendenti con la tecnologia e le conseguenti efficienza e socialità.

Il 77 per cento degli intervistati pensa che le abilità sociali, intese come relazioni e rapporti interpersonali, siano peggiorate nell’arco degli ultimi vent’anni; per  il 72 per cento degli amministratori aziendali vede nei cellulari nel loro uso smodato la prima causa di maleducazione in ambito lavorativo; il 65 per cento riconosce invece una sorta di ossessione, soprattutto nei lavoratori più giovani, per il web con un inevitabile effetto negativo sulle relazioni ‘faccia a faccia’; il 4 per cento lamenta l’incapacità di alcuni dipendenti di scrivere una lettera con penna e foglio, senza usare tastiera e schermo.

Nella pratica quotidiana, questa ‘maleducazione’ si esprime in numerose forme che tutti conosciamo e subiamo: suonerie troppo alte; briefing e meeting dove i presenti sono distratti da Sms e tablet; email di lavoro infarcite di abbreviazioni e pupazzetti animati; email con errori di grammatica e di sintassi, con un cattivo uso del CC e degli allegati; persone che twittano e condividono sui social network mentre il capo parla; persone che scrivono sms e email ignorando chi gli sta di fronte (fare phubbing = incrocio tra phone e snubbing); persone impegnate in conversazioni Skype gestite in viva voce senza auricolari; persone che usano sms per parlare ad un capo o per comunicare brutte notizie; persone incapaci di presentarsi peronalmente e di stringere correttamente una mano; e via di questo passo.

Per portare un po’ di educazione sulla comunicazione in rete la Debrett’s – la scuola simbolo di etichetta londinese che dal 1779 istruisce la nobiltà inglese – propone un nuovo corso sulla Netiquette (incrocio di parole tra net e etiquette) per insegnare un comportamento corretto nell’uso delle nuove tecnologie.

“L’educazione britannica è rinomata nel mondo ma le tecnologie, stando a questi dati, sono una minaccia per il comportamento. Per questo abbiamo pensato che queste buone maniere come le altre andassero insegnate”,

dice Louise Ruel, direttrice del corso sulla netiquette, aperto ad una fascia d’età compresa tra i 21 e i 30 anni al costo di mille sterline (però!) per un fine settimana “full immersion” nelle buone maniere tecnologiche.

Oltre ai corsi specifici, la Debrett’s  ha anche pubblicato un volume di 64 pagine al costo di £ 7,99 intitotalo “Debrett’s Netiquette” e venduto in questa pagina, dove riassume tutti i consigli principali del corso.

Ma se andate a questa pagina, potete già trovare alcuni preziosi suggerimenti suddivisi per attività: Email, Online Dating Etiquette, Top Tips for Online Dating, Social Netiquette, Top Tips for Social Networking, Online Manners.

work

headphones

twitter

Ott 13, 2013

I pareri più importanti nel libro “Tecnostress in azienda e sicurezza sul lavoro”

tecnostress-kills-pc

E’ recentemente uscito il libro “Tecnostress in azienda e sicurezza sul lavoro” di Enzo di Frenna, di cui abbiamo parlato in questo articolo. All’inizio del volume c’è una sezione intitolata “Tecnostress, coinvolgere istituzioni e aziende” dove sono raccolti molti autorevoli pareri sul rischio tecnostress da importanti personalità che stanno ragionando sull’argomento.

In particolare, di grande importanza le parole di Lorenzo Fantini – dirigente Ministero del Lavoro: … il Ministero del Lavoro si impegnerà per inserire tale problematica nelle linee guida dello “Stress lavoro correlato”  …” e del giudice Guariniello “Se un’azienda deve redarre il documento di Valutazione Rischio Stress lavoro-correlato e lavoro, ad esempio, nel settore dell’Information Technology o nel settore editoriale dove si usano molte nuove tecnologie, deve includere sicuramente il rischio tecnostress …”.

Per completezza d’informazione, ho compilato un breve digest dei principali concetti espressi espressi nei loro interventi:

Tecnostress: la malattia professionale e il primo corso di formazione in Italia
Enzo di Frenna e Tania Melchionna, presidente e direttore generale Netdipendenze Onlus
Netdipendenza Onlus ha scelto di essere all’avanguardia su questo tema, occupandosi dal 2007 di tecnostress e videodipendenze come “nuove patologie” della società informatizzata che colpisce la nuova categoria dei lavoratori digitali. … presentiamo anche il primo corso di formazione in Italia sul tecnostress lavoro correlato, progettato da netdipendenza Onlus e riconosciuto dall’Aifos.

L’impegno del Ministero del Lavoro per prevenire il tecnostress
Lorenzo Fantini, dirigente Ministero del Lavoro
Il tecnostress è un nuovo rischio per la salute dei lavoratori moderni e il Ministero del Lavoro si impegnerà per inserire tale problematica nelle linee guida dello “Stress lavoro correlato”, di cui all’art. 28 del testo unico 81 del 2008.

Il parlamento adotti nuove misure per prevenire il tecnostress nei luoghi di lavoro
Antonio Boccuzzi, parlamentare PD
Ritengo sia importante affrontare il problema del tecnostress …Il parlamento dovrebbe adottare iniziative in tal senso ed estendere il concetto di rischio psicosociale … Il miglior modo per prevenire il tecnostress è rendere obbligatoria la valutazione del rischio all’interno delle aziende.

INAIL è in prima linea per prevenire le nuove malattie professionai come il tecnostress lavoro correlato
Giuseppe Lucibello, direttore generale INAIL
Lo stress lavoro correlato e il tecnostress rappresentino in qualche modo “l’amianto del futuro“, cioè una condizione diffusa e ad alto rischio per la salute dei lavoratori.

La richiesta di formazione adeguata per la prevenzione del tecnostress
Rocco Vitale e Francesco Naviglio, Presidente e segretario generale AIFOS
L’esigenza di valutare il nuovo rischio del tecnostress in azienda è quanto mai reale … Solo puntando sull’a formazione e sull’organizzazione aziendale, la valutazione dei rischi stress e tecnostress si trasformerà da “obbligo” in “opportunità” per le aziende  … presto anche il legislatore possa adeguare la normativa ed includere il tecnostress tra i rischi da valutare obbligatoriamente nelle aziende moderne, che fanno largo uso di nuove tecnologie.

Il rischio tecnostress va valutato, altrimenti si applica la violazione della norma che prevede l’arresto o l’ammenda
Raffaele Guariniello, Pubblico Ministero Procura di Torino
L’informazione digitale è oggi presente in modo massiccio e si possono verificare nuovi casi di tecnostress. Ciò rientra nei nuovi rischi professionali che bisogna valutare, come prevede la normativa. …. Se un’azienda deve redarre il documento di Valutazione Rischio Stress lavoro-correlato e lavoro, ad esempio, nel settore dell’Information Technology o nel settore editoriale dove si usano molte nuove tecnologie, deve includere sicuramente il rischio tecnostress…. Si applica, in sostanza, il testo unico 81/2008, articoli 28 e 29 sulla valutazione dei rischi sanzionata con la pena dell’arresto e dell’ammenda, 3 36 e 37 sull’informazione e formazione dei lavoratori … Se in conseguenza delle condotte colpose il lavoratore subisce un danno, una lesione, una patologia, allora può emergere un’ipotesi di reato che è la “lesione personale colposa” …

Operatori di contact center e tecnostress, un problema che affrontiamo con impegno dal 2008
Alberto Zunino, direttore generale ASSOCONTACT
L’evoluzione tecnologia tuttavia ci impone di mantenere alta l’attenzione su questo tema e di aggiornarci costantemente, per individuare in maniera più specifica il rischio tecnostress nei luoghi di lavoro.

Commercialisti e tecnostress, un rischio serio da prevenire
Mario Civetta, Presidente Ordine Dottori Commercialisti e Esperti Contabili Roma
La categoria dei Commercialisti e degli Esperti Contabili costituisce una di quelle maggiormente esposte ai rischi da tecnostress … Il commercialista per supplire alle carenze del sistema è costretto a una connettività illimitata e alla ricerca permanente dell’esatto quadro normativo di riferimento … Come Istituzione siamo impegnati in generale nella formazione professionale dei nostri Iscritti che dovrà inevitabilmente estendersi anche ai temi del tecnostress …

Il tecnotress si previene intervenendo sul carico di lavoro
Paolo Angelucci, Presidente ASSINFORM (Associazione Italiana per L’information Technology)
Angelucci – Occorre sicuramente una formazione adeguata per imparare a gestire in maniera efficace il carico di lavoro associato all’uso dei video-schermi.

Tecnostress, i giornalisti sempre connessi sono esposti al nuovo rischio e i contratto dovrebbbe prevedere le pause
Orazio Carabini, giornalista e vicedirettore “L’Espresso”
Nel mestiere di giornalista … la connessione perenne ha creato un problema di sovrautilizzo del proprio potenziale … non mi stupisce che sia in atto una richiesta da parte dei lavoratori digitali di vivere periodi di isolamento dalla connessione, anche contrattualizzata … credo che la “pausa digitale” andrebbe inserita nel Contratto nazionale dei Giornalisti. Il problema del tecnostress associato alla professione giornalistica sta nella produzione elevata di adrenalina … Anche nelle redazioni dei giornali, quindi, sarebbe necessaria un’adeguata formazione per un uso più consapevole e attento dei nuovi media digitali.

I pubblicitari vivono semore connessi. E la patologia del tecnostress è in agguato
Mario Modica, direttore generale Associazione Italiana pubblicitari Professionisti
I pubblicitari professionisti sono tra le categorie più esposte al rischio tecnostress. L’Associazione italiana Pubblicitari Professionisti prende in seria considerazione il problema e valuteremo nei prossimi mesi la necessità di proporre la prevenzione del tecnostress ai nostri associati.

Sindacato Networkers, informazione e formazione contro il tecnostress
Giuseppe Di Paoli, responsabile sindacato Networkers – UIL
Il tecnostress, una nuova malattia professionale che coinvolge in modo particolare i lavoratori dell’ICT … Sindacato Networkers si muove per prevenire e contrastare il fenomeno delle tecno dipendenze. Diamo molta importanza all’informazione sul tema … insistiamo infine sul discorso della formazione.

L’impegno di CISCO Italia per prevenire lo stress legato alle nuove tecnologie
Agostino Santoni, amministratore delegato CISCO Italia
L’onnipresenza della connettività, la mobilità, il proliferare delle piattaforme e servizi rischiamo di sovraccaricare le persone l’ella loro giornata lavorativa: un rischio che si può evitare scegliendo di considerare la tecnologia un’opportunità per migliorare la qualità della vita, anche quando si lavora, e introducendo buone pratiche che aiutino a correggere eventuali squilibri e ad individuare per tempo potenziali difficoltà. …Inoltre, può essere utile favorire momenti di pausa, situazioni di relax anche nel contesto della giornata lavorativa.

Per prevenire il tecnostress bisogna saper guidare le nuove tecnologie
Davide Draghi, amministratore delegato SONY Italia
La tecnologia, se utilizzata in positivo, rappresenta un’opportunità per sfruttare al meglio i propri tempi di lavoro. … la tecnologia può aiutare ad incrementare produttività , efficienza e rendimento nel lavoro: il segreto sta nelle capacità dei singoli individui di guidarla secondo le proprie esigenze, invecchi subirne l’invasiva presenza.

 

Pagine:123456»
error: Content is protected !!