Browsing articles tagged with " Pubblicazioni"
Gen 27, 2012

Tecnostress è una parola in italiano. Lo dice l’edizione 2012 del vocabolario Zingarelli.

 

 

 

Per la gioia di tutti gli amanti delle nuove parole della lingua italiana segnalo che ‘Tecnostress’ è uno dei 1.500 lemmi nuovi aggiunti nell’edizione 2012 del vocabolario Zingarelli. La data di creazione del lemma è il 1984, l’ano in cui Craig Brod lo utilizzo per la prima volta nel sul libro “Technostress: The Human Cost of Computer Revolution” (guarda un abstract).

 

Tecnostrèss [comp. di tecno- e stress 1984] s. m. inv.: Stress indotto dall’uso prolungato di strumenti e tecnologie informatiche.

 

 

 

Giu 27, 2011

Guida Europea ‘PRIMA-IF’ per la gestione del rischio psicosociale

PRIMA-EF (Psychosocial RIsk MAnagement – European Framework) è un progetto a livello europeo che si pone l’obiettivo di sviluppare un modello a livello europeo per la gestione dei rischi psicosociali, con particolare attenzione allo stress lavoro correlato, alla violenza e al mobbing sul luogo di lavoro.

In questo progetto è stata recentemente pubblicata dall’OMS e curata dall’Ispesl una “Guida al contesto europeo per la gestione del rischio psicosociale: una risorsa per i datori di lavoro e per i rappresentanti dei lavoratori”.

La Guida si occupa di valutazione del rischio, dialogo con gli attori sociali, partecipazione dei lavoratori, indicatori fondamentali, interventi di buone pratiche e responsabilità sociale e si rivolge principalmente ai datori di lavoro ed ai rappresentanti dei lavoratori, tuttavia può uno strumento utile per tutti i professionisti nell’ambito della medicina del lavoro e per coloro che lavorano nell’ambito della sicurezza.

L’indice del Guida:

  • gestione del rischio psicosociale: definizioni, aspetti chiave e scopi;
  • modello del PRIMA-EF;
  • aspetti chiave della gestione del rischio psicosociale (PRIMA);
  • fasi del progetto PRIMA;
  • indicatori del modello PRIMA;
  • dialogo Sociale: consultazione degli attori sociali e partecipazione dei dipendenti;
  • approcci alla prevenzione e alla gestione dello stress lavoro correlato;
  • violenza sul luogo di lavoro e prevenzione del mobbing;
  • Responsabilità Sociale delle Imprese e il PRIMA;
  • gestione del rischio psicosociale: dalla politica organizzativa alla pratica efficace;
  • bibliografia ed ulteriori informazioni.

Le Appendici contenute:

  • Appendice 1 Gli standard (Standard che fanno direttamente riferimento ai concetti di rischio psicosociale, molestie e violenza; Standard chiave nel campo della salute e della sicurezza occupazionale che riguardano il concetto di rischio in generale; Standard che sono collegati in modo indiretto ai rischi psicosociali).
  • Appendice 2 “Sviluppare una politica per la gestione dei rischi psicosociali e la prevenzione dello stress lavoro-correlato”;
  • Appendice 3 “Sviluppare una politica e dei codici comportamentali per la gestione della violenza e del mobbing sui luoghi di lavoro”.

Scarica la “Guida al contesto europeo per la gestione del rischio psicosociale: una risorsa per i datori di lavoro e per i rappresentanti dei lavoratori”, OMS, PRIMA-EF, ISPESL (in pdf 1.47 MB)

Mag 20, 2011

Rischio stress: un nuovo portale INAIL per le aziende e un manuale per la valutazione

Dal 18 maggio nel sito web dell’INAIL è attiva la piattaforma “Focus stress lavoro-correlato” che contiene una serie di risorse e strumenti finalizzata a supportare, con strumenti scientificamente validati,  le aziende nella valutazione e gestione del rischio da stress lavoro-correlato secondo quanto indicato dal Decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni.

Per le aziende che si registrano alla piattaforma sono disponibili strumenti per effettuare, in linea con le indicazioni della norma, la valutazione e la conseguente gestione del rischio da stress lavoro-correlato. Con la registrazione nel portale e usufruendo degli strumenti valutativi disponibili, l’azienda non solo parteciperà all’implementazione di una specifica banca dati utile al monitoraggio nel tempo delle attività valutative, ma avrà anche a disposizione, in area riservata, tutti i dati inseriti per le varie fasi della valutazione, utili anche per successivi confronti.

Insieme a questa piattaforma, INAIL ha rilasciato il manuale “ Valutazione e Gestione del rischio da Stress lavoro-correlato. Manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.” che potete scaricare cliccando qui (formato pdf, 6.68 Mb).

E’ Ufficiale Il ‘Web Stress’ fa male al business’ – It’s Official – ‘Web Stress’ is Bad for Business

CA, Inc., leader mondiale di soluzioni software per la gestione dell’IT, ha annunciato  il proseguo delle ricerche avviate nel 2009 che utilizzano delle raffinate analisi neurologiche su soggetti che utilizzano delle tecnologie digitali.

Il tema della ricerca 2009 – intitolata “CA Web Stress Index” 2009 (e che abbiamo trattato in questo articolo) era prevalentemente conoscitivo dei comportamenti d’uso delle nuove tecnologie da parte di 1.000 ‘lavoratori della conoscenza’ (knowledge worker), ovvero lavoratori qualificati che utilizzano il PC almeno quattro ore al giorno per svolgere il loro lavoro.

I risultati di quella prima ricerca evidenziarono che i lavoratori intervistati erano affetti da livelli inaccettabili di ‘stress da utilizzo del Web’ provocato dalla lentezza delle applicazioni online, spesso fonte di frustrazione e scarsa produttività.

La ricerca del 2010 – che dichiara già nel titolo i suoi risultati: Web Stress: A Wake Up Call For European Business – ha un taglio molto più business ed ha rivolto la sua attenzione alle reazioni dei consumatori a una scarsa esperienza di acquisto on-line.

La ricerca – svolta operativamente da Foviance società di consulenza specializzata nella “customer experience” – si è prevalentemente oconcentrata sul vedere se la performance delle applicazioni ha un impatto sulle abitudini d’acquisto online e sui comportamenti dei consumatori.

Negli esperimenti condotti su alcuni volontari nei laboratori della Caledonian University di Glasgow, lo stress legato all’attività di e-commerce è visibile dagli impulsi elettrici celebrali e dalle cosiddette “onde alfa”, il cui livello diminuisce o cresce proporzionalmente allo stato di relax o di tensione a cui si è sottoposti.

La ricerca dimostra che molti consumatori hanno un’esperienza di “web stress” quando cercano di fare degli acquisti on-line. I livelli di stress dei volontari che hanno preso parte allo studio sono aumentati in modo significativo quando erano di fronte a una scarsa esperienza di shopping online.

Foviance è riuscita a monitorare l’attività celebrale durante tutta la fase di navigazione, selezione e acquisto di un prodotto in Rete, dimostrando che quando le aspettative d’acquisto non sono soddisfatte, gli utenti non solo si sentono disorientati ma sono costretti ad aumentare del 50% il loro livello di concentrazione e, conseguentemente lo stato di stress. Dai dati della ricerca emerge che il 40% degli utenti che non riesce a finalizzare un acquisto abbandona il sito Internet a caccia di un’altra valida alternativa.

Secondo CA e Foviance, ,questa tipologia di web stress rischia quindi di far perdere alle aziende clienti e vendite. Al fine di mantenere i clienti, attrarre nuovi e prosperare durante la ripresa economica, CA sta chiamando per le imprese europee a concentrarsi sul dare ai loro clienti la migliore esperienza possibile online.

Keyphrases

«Quando navigano in Rete, soprattutto quando devono effettuare un acquisto, i consumatori vogliono trovare facilmente quello che cercano e si aspettano che le applicazioni rispondano nel giro di pochi secondi» Catriona Campbell, psicologa comportamentale e fondatrice di Foviance.

«Le aziende non devono sottovalutare l’esperienza online degli utenti, anzi devono puntare a migliorarla continuamente e per fare questo devono essere in grado di poterla monitorare in tempo reale. Non c’entra solamente il modo in cui il sito è stato progettato, e non basta valutare come parametro la velocità di connessione. Sempre più spesso infatti a fare la differenza sono le performance delle applicazioni Web» Kobi Korsah, direttore Emea product marketing di Ca.

Clicca qui per leggere la pagina del Report 2009
Clicca qui per scaricare il documento CA “Wer Stress 2009”

Guarda la pagina di presentazione della ricerca 2010

Leggi la press release della ricerca 2010: It’s Official – ‘Web Stress’ is Bad for Business

Scarica il report survey della ricerca 2010

Guarda la notizia sul sito di Foviance

Set 20, 2010

Buone pratiche nel lavoro al videoterminale

Come sapete, lo stress tecnologico è causato anche dalle posizioni che assumiamo lavorando davanti al computer. Già tempo fa, l’Inail realizzò una guida di istruzioni e consiglio sull’utilizzo del videoterminale.

Recentemente l’Inail ha aggiornato questo documento con numerose integrazioni riguardo alle misure di prevenzione e arrichendolo di suggerimenti relativi a software, schermo e postazione di lavoro. In più  alcuni esempi di esercizi di rilassamento e una lista di controllo che consente di valutare il posto di lavoro al videoterminale.

Riporto l’indice del documento:

1. Come evitare i disturbi associati all’uso del videoterminale
2. Videoterminale, tastiera e mouse
3. Condizioni ambientali
4. Il corretto posizionamento del videoterminale
5. Piano di lavoro, sedia, poggiapiedi
6. La postazione di lavoro
7. Uso dei computer portatili
8. I disturbi alla vista
9. Affaticamento mentale
10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni
11. Lista di controllo

Per scaricare “Il lavoro al videoterminale” – Inail, aggiornamento a cura di Barbara Manfredi cliccare qui (formato pdf, 2 MB).

Pagine:«123456»

Categorie degli articoli

error: Content is protected !!