Feb 18, 2018

Tecnostess tra gli info-lavoratori italiani: né tutela, né legge. Articolo di Enzo di Frenna.

Segnalo il molto condivisibile articolo di Enzo di Frenna su ilfattoquotidiano.it intitolato “Lavoro, siete al computer fino a 16 ore al giorno? Potreste ammalarvi di tecnostress” per l’istanza che promuove, e che riassumo per punti essenziali:

– In Italia il Tecnostress lavoro-correlato dilaga, con un aumento di sintomi e malati, specialmente tra i lavoratori delle cosiddette ‘info-professioni’.

– Chi difende questi lavoratori in Italia? Nessuno.

– Diverse esperienze ci parlano di equilibrio digitale come possibile strategia di mitigazione.

– Serve una discussione politico e giuslavorista per arrivare a una proposta di legge (o una modifica del D.lgs 81-2008) che riconosca i pericoli del TecnoStress nell’infolavoro e promuova la formazione per un equilibrio digitale.

Tutto molto giusto, nient’altro da aggiungere. Potete leggerlo per esteso qui sotto.

Blog | Siete al computer fino a 16 ore al giorno? Potreste ammalarvi di tecnostress

E’ sotto gli occhi di tutti. Le professioni moderne sono quasi tutte digitali. L’informazione è la materia prima che si compra e si vende ogni giorno in un mercato enorme di info-lavoratori e info-imprenditori connessi a Internet e social network. Alcuni trascorrono fino a 16 ore di fila con uno schermo: computer, cellulare e tablet.

Comments are closed.

error: Content is protected !!