Browsing articles from "settembre, 2012"
Set 28, 2012

Lavorare in Multitasking: fare due cose contemporaneamente è come farne nessuna?

Come sappiamo, il multitasking umano (human multitasking) è l’attività di un individuo di svolgere e gestire più attività contemporaneamente, come telefonare mentre si scrive un’email, mandare un messaggio mentre si guida, eccetera.

Si tratta di una pratica estremamente diffusa presso tutti i lavoratori ‘tecnologici’ (direttamente derivata dalle modalità d’uso del computer), abituati a lavorare  allo  stesso  tempo  su  vari  fronti, elaborando  in  parallelo  varie  informazioni ed operando contemporaneamente con contenuti cognitivi differenti provenienti da differenti tecnologie.

Il vantaggio del multitasking è che consente di essere più rapidi su diversi fronti contemporaneamente, lo svantaggio principali e la minor concentrazione nell’esecuzione dei singoli compiti con una abbassamento della qualità.

Per farvi capire meglio, il lavoratore ‘multitasker’ lavora contemporaneamente su più progetti, che continua a leggere al monitor mentre risponde al telefono. Mentre parla guarda le tre email appena arrivate e poi manda un sms a sua moglie per dire che non sa se farà in tempo a fare le spese. Chiude la telefonata, scrive una riga nel progetto, una risposta in una email interrotta dall’sms di risposta di sua moglie. Sbircia velocemente due nuove email appena arrivate mentre dà un consiglio a un collega. Non riesce a finire che il capo lo chiama, si stacca dal secondo monitor ma proprio mentre sta per alzarsi suona il telefono … ed è arrivata un’altra email …

Mentre per alcuni il multitasking è un segnale di efficienza, sempre più ricerche scientifiche dimostrano che il multitasking può essere dannoso per la concentrazione e condurre ad un netto peggioramento della qualità con cui portiamo a termine i nostri compiti.

Sembra infatti che sviluppare la capacità di avere un’attenzione ampia e divisa su più fronti limiti la capacità di affinare l’attenzione di tipo selettivo. Più nello specifico, il multitasking comporta problemi di attenzione e di accuratezza nel caso i compiti facciano capo a funzioni simili, mentre, in caso contrario, svolgere più compiti nello stesso momento può rappresentare un vantaggio.

L’argomento Multitasking è decisamente interessante.
Continuiamo quindi ad approfondire la conoscenza di questo ‘fenomeno’ pubblicando alcune nuove interessanti ricerche internazionali dedicate a questo tema riportando, per pigrizia di traduzione, un breve abstract in lingua inglese.

Exploring the Impact of Multitasking In the Workplace
Susannah C. Otto Katie R. Wahl, Christophe C. Lefort Wyatt H. P. Frei – Saint Mary’s College of California
Journal of Business Studies Quarterly, 2012, Vol. 3, No. 4, pp. 154-162

This proposal takes a look at multitasking and its impact on the workplace. As workplace technology evolves, managers need to make decisions in an effort to increase productivity. The review of literature pertaining to the subject indicates that multitasking has been shown to both increase and decrease productivity. This leads to further questions on how multitasking should be implemented. In order to evaluate the impact of multitasking in the workplace, quantitative and qualitative data can allow for analysis of multitasking in terms of impact on the individual and the organization, and give management proper insight to choose the right method to increase efficiency.

Multitasking: the Uncertain Impact of Technology on Knowledge Workers and Managers
Frank Bannister and Dan Remenyi Trinity College, Dublin
Electronic Journal Information Systems Evaluation Volume 12 Issue 1 2009 (1-12)

While the productivity paradox has now been officially pronounced dead, the argument and the evidence for this assertion are both at a macroeconomic level. What has been less closely examined is the microeconomic impact of recent developments in ICT on the productivity of office and knowledge workers. There is an assumption, readily seen in many advertisements for mobile technology, that multi-tasking, WiFi connected laptops, Blackberrys, smart phones and so on are good for business and make people more effective and productive. This may be true some of the time and there is some (albeit limited) research which supports claims that these technologies increase productivity. However there are also emerging concerns that, in certain environments, these technologies may actually reduce productivity in both the short and the long term. This paper examines this problem and research to date and proposes a framework for further investigation of this phenomenon.

The Effects of Mindfulness Meditation Training on Multitasking in a High-Stress Information Environment
David M. Levy – Information School University of Washington Seattle
Jacob O. Wobbrock – Information School | DUB Group University of Washington Seattle
Alfred W. Kaszniak – Department of Psychology University of Arizona
Marilyn Ostergren – Information School University of Washington Seattle

We describe an experiment to determine the effects of meditation training on the multitasking behavior of knowledge workers. Three groups each of 12-15 human resources personnel were tested: (1) those who underwent an 8-week training course on mindfulness-based meditation, (2) those who endured a wait period, were tested, and then underwent the same 8-week training, and (3) those who had 8-weeks of training in body relaxation. We found that only those trained in meditation stayed on tasks longer and made fewer task switches, as well as reporting less negative emotion after task performance, as compared with the other two groups. In addition, both the meditation and the relaxation groups showed improved memory for the tasks they performed.

The impacts of multitasking media on children’s learning & development
Report from a research seminar by Claudia Wallis January, 2010
The Joan Ganz Cooney Center and Stanford University 2010

New technology sometimes brings change that is so swift and so sweeping, that the impact and implica- tions are hard to grasp. So it is with the rapid expansion of media use by children and adults—at work and at play, alone and in groups, for ever larger portions of their waking hours. Media multitasking—engaging in more than one media activity at a time—has rapidly become a way of life for American youth, accord- ing to a 2005 report from the Kaiser Family Foundation (Roberts, Foehr, & Rideout, 2005), and yet little is known about how this behavior affects their learning and development, their ability to attend, to plan, to think, and to relate to other people. The same may be said for adults, many of whom have taken to me-
dia multitasking to the point of “crackBerry” obsession. Aside from the recent alarming reports about the dangers of cell phone use while driving1 or the impact of web surfing on worker productivity, little is known about the larger implications of this now ubiquitous behavior.

Exploring the impact of instant messaging on subjective task complexity and user satisfaction
Han Li, Ashish Gupta – School of Business, Minnesota State University Moorhead
Xin Luo – Anderson School of Management, The University of New Mexico, Albuquerque
Merrill Warkentin – College of Business, Mississippi State University, Mississippi State, MS, U.S.A.
European Journal of Information Systems (2011) 20, 139–155

Instant messaging (IM) technologies are being rapidly deployed in the workplace. Current studies largely focus on the adoption of IM and how IM is used. Little research has been conducted to understand the potential impact of using IM in the workplace. This paper theorizes and empirically tests how the frequency of IM interruptions and the position power of message sender could interact with an individual’s polychronic orientation, that is, multitasking preference, and jointly influence employee satisfaction and subjective task complexity. The present study illustrates that polychronic knowledge workers are more satisfied with the multitasking work process deploying IM technology than monochronic ones. In addition, the effect of interruptions is dependent upon an individual’s polychronic orientation. The increase in interruption frequency only reduces the process satisfaction of monochronic individuals but not polychronic individuals. Further, the polychronic orientation of message receivers also influences how they process information. When IM messages are sent from their supervisors, monochronic individuals tend to prioritize tasks and perceive a lower level of overall task complexity. The information processing of polychronic individuals seem to be less influenced by the position power of message sender.

Condividi l'articolo nei tuoi Social
Set 18, 2012

Disconnect: un film di Henry-Alex Rubin che parla di internet e di net addiction

Giudizi contrastanti per questo film di Henry-Alex Rubin: Disconnect, presentato fuori concorso alla 69a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

La storia, brevemente, è questa:

Un ragazzo viene indotto con uno stratagemma dai suoi coetanei poco responsabili a pubblicare su internet una sua foto nudo, una coppia subisce sul web un furto di identità che provoca il prosciugamento del loro conto corrente bancario, una giornalista cerca di tirar fuori un giovane dal giro dei siti che “vendono” sesso informatico. Le vicende di questi soggetti sono legate una all’altra e alla fine troveranno una composizione in maniera, per loro, imprevedibile.

Quindi si parla di Internet e, nell’idea del regista, di una società nella quale un eccesso di comunicazione informatica ha completamente distrutto il tessuto delle relazioni umane e collettive. Un lungo excursus su come la tecnologia stia cambiando la società attuale: i social network, le chat, tutti espedienti che in teoria dovrebbero favorire la comunicazione e l’interazione tra individui, ma che in realtà ci separano, ci disconnettono più che mai.

Sul flyer ufficiale del film c’è scritto

“Disconnect fonde molteplici storie che parlano di persone alla ricerca di legami umani nel mondo sempre connesso di oggi. Intense, strazianti e toccanti, le storie si intersecano con colpi di scena, che mettono a nudo una realtà scioccante nel nostro uso quotidiano della tecnologia che, facendo da mediatrice, definisce i nostri rapporti e, in fin dei conti, le nostre vite”.

“Volevo raccontare il paradosso di questi tempi, quanto siamo vicini eppure più distanti che mai – spiega Rubin – ho usato un approccio familiare, dando ad ogni attore la possibilità di avvalersi di un’interfaccia, persone che nella vita reale avevano avuto un percorso simile a quello del personaggio. Quello che mi interessava era riprodurre la naturalezza dell’assurdo e per la prima volta ero eccitato all’idea di essere libero, non alla mercé della docu-realtà”.

Come ho detto, i commenti critici sono stati di tutti i tenori, a qualcuno la pellicola è particolarmente piaciuta e l’ha definita da ‘sorprendente e senza troppi virtuosismi’, mentre altri hanno parlato di un “film banale e senza senso” … “di assoluta prevedibilità sul piano della struttura narrativa” che “non propone a chi guarda nulla, se non la propria impostazione ultrasemplicistica e furbamente ammiccante nei confronti del pubblico.”.

Viste le diverse opinioni, è quindi molto più sensato che, se a qualcuno interessa, se lo veda al cinema nei prossimi mesi e si faccia personalmente la sua idea.

Scheda del film
Titolo: Disconnect / Regia: Henry-Alex Rubin / Sceneggiatura: Andrew Stern / Fotografia: Ken Seng / Montaggio: Lee Percy, Kevin Tent / Scenografia: Dina Goldman / Musica: Max Richter / Interpreti: Jason Bateman, Hope Davis, Frank Grillo, Michael Nyqvist, Paula Patton / Produzione: LD Entertainment, Wonderful Films / Paese: USA, 2012 / Durata: 110′

Condividi l'articolo nei tuoi Social

La dipendenza da telefono cellulare: sviluppo, ragioni ed effetti.

Per contribuire ad una sua maggior diffusione e dato lo stretto interesse con gli argomenti di questo sito, riprendo il bell’articolo “La dipendenza da telefono cellulare” a cura della Dott.ssa Monica Monaco pubblicato nella sezione psicologia del sito benessere.com

Come la televisione ed il computer, anche il telefonino rappresenta uno strumento tecnologico di crescente utilizzo che, come dimostrano recenti e numerosi studi, é anche un oggetto verso il quale si può sviluppare una vera e propria forma di dipendenza.

Con la crescita del numero e dei modelli di cellulari, nonché dei servizi offerti attraverso il telefonino, si assiste infatti all’incremento di casi di quella che, in alcuni paesi, é già diventata una “malattia sociale” e che é stata definita “telefonino-dipendenza“, “cellularomania” o “cellular-addiction“.

Dal telefono al telefonino: cambiamenti socio-psicologici della comunicazione telefonica

La nascita e lo sviluppo del mercato della telefonia mobile ha avviato profonde trasformazioni sociali, attribuendo nuove funzioni psicologiche al telefonino rispetto a quelle assolte dal telefono tradizionale.

La tendenza di questo moderno e trasportabile strumento di comunicazione telefonica a diventare nel giro di poco tempo alla portata di tutti, indipendentemente dall’età o dallo status socio-economico, insieme allo sviluppo di crescenti ed innumerevoli caratteristiche tecniche, implicano delle riflessioni relative alle principali funzioni sociali e psicologiche che il telefonino attualmente assolve.

Inizialmente, infatti, il cellulare era uno strumento essenziale, alla portata di pochi, il cui possesso assolveva alla funzione di rendere costantemente rintracciabili in tempo reale un numero privilegiato di utenti “socialmente impegnati ed importanti”.

Ben presto il cellulare ha cominciato a rispondere e ad alimentare il bisogno comune di essere vicini, superando i confini dello spazio e del tempo, trasformando profondamente le possibilità delle relazioni quotidiane, favorendo la possibilità di aumentare le occasioni di intimità e, talvolta, anche quelle di violazione della libertà e degli spazi personali.

Così, di pari passo alla moltiplicazione delle funzioni tecniche di un telefonino si sono trasformate anche le sue funzioni sociali e psicologiche: il cellulare oggi é uno strumento che accompagna ogni momento della giornata e che aiuta ad organizzare ed a gestire ogni momento della vita, dal lavoro (con le agende, le sveglie, le rubriche, l’orologio) ai momenti di svago (con i giochi, le fotocamere, le videocamere).

Conseguentemente all’evoluzione del mondo della telefonia mobile oggi, oltre alla generica e tradizionale funzione di comunicazione, il telefonino rappresenta uno strumento che riveste almeno tre importanti funzioni psicologiche relative sia alla sfera individuale, sia a quella relazionale.

Una delle principali funzioni psicologiche del cellulare é quella di regolare la distanza nella comunicazione e nelle relazioni. Attraverso il telefonino, infatti, ci si può avvicinare o allontanare dagli altri: ci si può proteggere dai rischi dell’impatto emotivo diretto, trovando una risposta alle proprie insicurezze relazionali, alla paura del rifiuto ed ai sentimenti di insicurezza; ma ci si può altresì mantenere vicini e presenti costantemente alle persone a cui si é legati affettivamente, gestendo l’ansia da separazione e la distanza, costruendo un “ponte telefonico” che attraversa infiniti spazi in pochissimo tempo.

Gli adolescenti sono più spesso esempio dell’utilizzo del telefonino come strumento di difesa per affrontare le insicurezze nella comunicazione, sia nella fase di iniziale di conoscenza che in quelle di trasformazione e gestione delle relazioni. I genitori invece, sempre più spesso sostenitori del precoce possesso del telefonino da parte dei bambini e ragazzi, trovano nel telefonino una risposta al proprio bisogno di restare costantemente presenti nella vita dei propri figli, adoperando il cellulare come ciò che é stato definito un “guinzaglio tematico” (Carlini R., Cozzolino G.).

Un rischio della estremizzazione della telefonino-mediazione delle relazioni é che il cellulare, piuttosto che diventare uno strumento di sostegno per affrontare le difficoltà di confronto con gli altri, diventi uno strumento per gestire abitualmente le relazioni. In tal modo è possibile che la “comunicazione telefonica” diventi un sostituto della “comunicazione reale” , che lo strumento tecnico prenda il sopravvento e finisca per sostituirsi alla realtà, creando e alimentando una equazione “comunicazione telefonica = comunicazione reale”.

Un altro rischio intimamente connesso al precedente è la possibilità che il contatto-distacco finisca per far idealizzare il referente delle comunicazioni telefoniche o via sms, sulla base di meccanismi di proiezione di desideri che possono innescarsi facilmente su comunicazioni fatte di brevi conversazioni o di pochi caratteri. » altrettanto possibile che con l’abuso di comunicazione via cellulare si finisca per vivere relazioni esclusivamente legate alla sfera mentale-emotiva , che alimentano una frammentazione e un disconoscimento del corpo come irrinunciabile mezzo di contatto nelle relazioni interpersonali.

Infine, esiste il rischio che la facilità a prendere le distanze, quanto quella ad avvicinarsi, acceleri eccessivamente alcuni processi di distacco emotivo che prima avevano tempi più “umani” rispetto a quelli tecnologici offerti dal telefono mobile, nel corso dei quali gli irrinunciabili scambi faccia-a-faccia potevano portare a riflessioni importanti, oggi talvolta impossibili.

Un’altra importante moderna funzione psicologica del cellulare è quella di rappresentare un mezzo per gestire la solitudine e l’isolamento , assumendo quasi il ruolo di “antidepressivo o ansiolitico multimediale”, nei confronti del quale diviene ben presto facile diventare dipendenti. In questo senso il telefonino diventa il simbolo della “presenza dell’altro”, che è un’entità sempre a portata di mano.

Da ciò nasce conseguentemente un estremo investimento affettivo del telefonino che può trasformarlo in una specie di oggetto-feticcio ed il suo possesso può essere ribaltato verso la dimensione dell'”essere posseduti”, in cui spegnere il cellulare diventa quasi come diventare trasparenti e incapaci di entrare in altro modo in relazione.

In tal modo, gli altri e la realtà, mantenuti costantemente presenti, non sono conseguentemente mai vissuti come assenti; ciò genera una mancanza della possibilità di sperimentare la dimensione del lutto e la sua possibile elaborazione, una esperienza centrale per la differenziazione tra “mondo interno” e “mondo esterno” che, soprattutto fra i giovani, può rendere confusi e persino “fusi”, con possibili conseguenze negative sulla capacità di mentalizzazione e di interiorizzare l’altro attraverso la rappresentazione fantastica della realtà. Si rischia altresì di trovare con difficoltà una separazione tra “pubblico” e “privato”, tra “intimo” e “condiviso” , una distinzione che è invece un aspetto fondamentale per la costruzione della propria identità attraverso la possibilità di stabilire dei confini che sono la base delle capacità di entrare in contatto.

Una terza funzione ormai crescente del cellulare è quella di rappresentare un mezzo per vivere e dominare la realtà , con le sue innumerevoli possibilità tecniche in grado di regalare l’idea di poter essere presente e capace di “fermare il tempo”, con una o più immagini, un’illusione di potere che può essere spinta fino alla sensazione estrema di onnipotenza. I rischi dell’abuso di queste funzioni sono maggiori nei ragazzi, in quanto l’età evolutiva è il momento dell’apprendimento delle modalità di contatto sociale reale e delle capacità di controllo degli impulsi e delle emozioni.

La comunicazione attraverso il telefonino, infatti, potrebbe finire per divenire l’unica capacità di mettersi in relazione e contemporaneamente la sua perpetua possibilità di contatto non stimola né la capacità di controllare il rinvio della soddisfazione dei bisogni che si concretizza nell’attesa, né la conseguente creatività che si sviluppa nell’attesa.

In tal modo, il pensiero lascia sempre più spazio all’azione, al prezzo dell’incapacità crescente di reggere la lontananza e il distacco, perdendo di vista che essi non sono esclusivamente pesi da alleviare, ma anche spazi che è possibile colmare coltivando quelle importanti dimensioni psicologiche rappresentate dalla fantasia e dalle immagini interiori.

Inoltre, l’abuso della possibilità di superare le barriere spazio-temporali sembra rendere sempre di più approssimativi, ossia incapaci di prendere decisioni e impegni precisi, in virtù della possibilità di rinviare le scelte e gli appuntamenti a momenti successivi di contatto.

La dipendenza da telefonino: un fenomeno complesso

Secondo i crescenti studi condotti in tutto il mondo sull’argomento, il “keichu”, come è stato definito in Cina il fenomeno sociale della dipendenza dal cellulare, è un problema che colpisce principalmente i giovani.

L’uso quotidiano e comune del telefonino rende spesso difficile tracciare un confine diagnostico tra “comportamento normale” e “comportamento aberrante”. Per questa ragione, per l’individuazione di tale problematica è importante osservare tanto gli aspetti quantitativi quanto quelli qualitativi del rapporto con il cellulare.

Dal punto di vista quantitativo , generalmente si parla di “cellularomania” quando il traffico telefonico quotidiano di un individuo, costituito da chiamate e sms sia in entrata che in uscita, ammonta all’incirca a 300 contatti. Tuttavia, il problema quantitativo potrebbe anche essere manifestato in termini di lunghe conversazioni con poche persone o ancora l’utilizzo eccessivo potrebbe essere legato all’abuso di altre funzioni presenti nel cellulare.

Inoltre, al di là della quantità di comunicazioni o del tempo passato al cellulare, si può ipotizzare una “dipendenza da telefonino” quando una persona presentano alcuni dei seguenti atteggiamenti-spia: dedica la maggior parte del proprio tempo ad attività connesse all’utilizzo del telefonino (telefonate, sms, giochi, consultazioni, uso di foto-videocamere, ecc.), svolte in modo esclusivo o in concomitanza con altre attività; manifesta senso di stordimento, mal di testa, vertigini, dolori al viso o all’orecchio o altri sintomi fisici che possono essere collegati all’abuso del telefonino; manifesta un atteggiamento di estrema affettività verso l’oggetto telefonico che si evidenzia principalmente con la resistenza ad allontanarsi da esso anche per poco tempo; mostra un utilizzo del telefonino non giustificato da necessità, bensì come strumento per soddisfare bisogni di ordine affettivo-relazionale e come principale mezzo per comunicare con gli altri rispetto ad altre forme di comunicazione; tende ad entrare in ansia o perfino in panico, o comunque a sperimentare stati emotivi spiacevoli, se il telefonino è scarico o se non funziona; utilizza il telefonino come mezzo di protezione e di intermediazione per entrare in rapporto con altri con i quali altrimenti non si riuscirebbe a comunicare in modo diretto; propende ad utilizzare il cellulare come strumento di controllo nelle relazioni sentimentali e affettive; è incapace di mantenere dei momenti di assenza di contatto e di comunicazione con qualcuno; tende a giustificare l’incapacità a staccarsi dal telefonino con l’uso di alibi (es. ragioni di sicurezza); tende ad utilizzare il telefonino per tenere sotto controllo alcune paure o insicurezze (paura della solitudine, fobie specifiche, crisi d’ansia, ecc.); tende ad usare più telefonini, spesso linee separate in base all’utenza (es. lavoro/amici); ha l’abitudine di mantenere il telefono acceso anche di notte e di effettuare eventuali risvegli notturni per controllare l’arrivo di short message o di chiamate.

Come tutte le cosiddette “nuove dipendenze”, anche la “cellularomania” tende a innestarsi ed a manifestarsi soprattutto in relazione agli aspetti più fragili della persona. Se, ad esempio, la persona ha dei problemi di autostima, il telefonino, rispondendo al bisogno di compensare tale problema, tenderà ad essere utilizzato come strumento per affrontarlo.

Allo stesso modo avviene per le persone con predisposizione alle dipendenze nei confronti delle persone, in cui esso diviene strumento per gestire i bisogni emotivi. Spesso la dipendenza dal telefonino si associa ad altre tradizionali o moderne dipendenze che sono secondarie alla cellularomania, quali ad esempio la sindrome da shopping, la dipendenza affettiva e la videomania.

Queste ultime possono essere considerate conseguenza della “cellular addiction” quando si manifestano in relazione ad essa, ossia rispettivamente con acquisti compulsivi nel settore della telefonia (telefonini, accessori e offerte telefoniche), con l’uso del cellulare per assecondare comportamenti di dipendenza affettiva (controllo e continuo contatto) e con l’abuso di videogiochi presenti tra le funzioni del telefonino stesso.

Dipendenza da sms

Il sistema dei messaggini telefonici ha trovato ben presto grande diffusione in relazione alle possibilità di conciliare un mezzo di comunicazione economico, scritto (e quindi conservabile) e indiretto quanto una lettera.

Prima, infatti, chi non riusciva ad esprimere qualcosa verbalmente, poteva farlo attraverso una cartolina o con una lettera. Oggi ciò é possibile attraverso una e-mail o, più velocemente e più alla portata di tutti, attraverso un sms.

Ben presto la necessità di esprimere tanto attraverso uno short message ha portato allo sviluppo di un linguaggio sintetico, fatto di abbreviazioni e codici che é indubbiamente più diffuso tra i giovani e che rappresenta il vero rischio della dipendenza da sms, soprattutto in età evolutiva. Il linguaggio sintetico infatti rischia di prendere il sopravvento tra le funzioni cognitive ed emotive in via di sviluppo, predisponendo alla strutturazione di una forma di pensiero eccessivamente sintetico.

L’intervento sulla dipendenza da cellulare: prevenire è importante quanto curare

Il rapporto con il cellulare è potenzialmente rischioso per tutti, perché spesso solo parzialmente controllabile, dal momento che si possono gestire soprattutto le chiamate effettuate e meno quelle ricevute.

È per questo che la prevenzione di questa forma di dipendenza è importante quanto l’intervento su di essa nella sua forma più acuta. Esiste infatti la possibilità che, in un periodo particolarmente difficile della vita il telefonino diventi un oggetto su cui canalizzare uno stato di disagio (affettivo, relazionale, ecc.).

Pertanto, è importante allenarsi ad un rapporto equilibrato con il cellulare, limitato nel tempo e capace di autocontrollarsi, concedendosi talvolta qualche pausa dalla sua presenza rassicurante.

Riferimenti bibliografici

  • AAVV (2005) Nell’era del T.V.T.B. (ti voglio tanto bene). In Benefit, 32, 132 – 136.
  • Di Gregorio L. (2003). Psicopatologia del cellulare. Dipendenza e possesso del telefonin o, Franco Angeli, Milano.
  • Guerreschi C. (2005). New addictions. Le nuove dipendenz e, Edizioni San Paolo, Milano.
  • Lacohèe H., Wakeford N., Pearson I. (2003). A social history of teh mobile telephone with a view of its future . In Technology journal, 21, 203-211.
Condividi l'articolo nei tuoi Social
Set 12, 2012

No Tecnostress Day’s 2012

E’ in corso dal 3 al 30 settembre il “No Tecnostress Day’s 2012”, una serie di attività ‘rilassanti’ promosso da Netdipendenza Onlus per liberarsi del tecnostress.

Questo il programma diffuso:

Elimina il tecnostress camminando sulle braci ardenti
Giornata di Fire Walking in collaborazione con Serenetta Ballore, formatrice aziendale e counselor.

A CHI E’ RIVOLTO – Lavoratori digitali, impiegati nel settore information technology, giornalisti, manager, imprenditori, studenti, dirigenti aziendali. In generale, a tutti coloro che usano per molte ore al giorno i videoschermi e cellulari, iperconnessi ad Internet e ai social network.
DOVE – Agriturismo LB Stud – via Baglione 13 BRACCIANO (Roma nord)
QUANDO – Domenica 30 settembre 2012 – dalle ore 10,00 alle 22,00
INFO per registrazione WORKSHOP: 393-5802828

Passeggiata nei boschi in compagnia degli asini (trekking someggiato).
Una giornata di contatto con la natura nei boschi di Canale Monterano (roma nord), in compagnia degli asini. Meditazione finale e pranzo al sacco.

Vinci il tecnostress con la gioia del movimento
Seminario con il Nia Technique – con Eleonora Mori (Roma)

Usa il respiro per rilassare corpo e mente
Incontro con il rebirther Paolo Cericola, presidente di Scuola di Respiro (Roma)

Liberati del tecnostress correndo nei parchi
Corsa amatoriale nei parchi di Milano, con il presidente di Assodigitale. Michele Ficara Manganelli, che girerà un video in cui inviterà i lavoratori digitali a seguire il suo esempio, cioè spegnere per un giorno la tecnologia e correre nei parchi. Il video sarà postato su You Tube.

Exprimitive: dal gesto tecnologico al gesto tribale
Seminario di danzaterapia con Nicla Jane Giorgi, vicepresidente di Netdipendenza Onlus.

 

Per richiedere maggiori informazioni scrivi qui a Netdipendenza Onlus.

Condividi l'articolo nei tuoi Social

Categorie degli articoli

HTML Editor - Full Version

Scopri DynDevice: la piattaforma e-Learning per creare, erogare e gestire tutta la formazione aziendale online, in aula e blended. DynDevice un LMS facile da utilizzare e completo nelle funzionalità.

error: Content is protected !!