Browsing articles from "luglio, 2019"
Lug 15, 2019

Liberati dal tecnostress (tuo e degli altri) con la prigione per smartphone

Notizie leggere come l’estate …

I colleghi di lavoro ti disturbano e ti distraggono con il loro continuo flusso di messaggi? Gli amici ti ignorano mentre gli stai parlando per guardare nonsisacosa sui loro cellulari? La donna della tua vita non ascolta il tuo amore perché sta chattando (e con chi?) Ti senti solo quando guardi i tuoi figli a cena che guardano Facebook, Instagram, o YouTube, naturalmente ognuno il suo?

Ecco la soluzione che ti ridarà il dialogo e la relazione nella tua casa e nel tuo ufficio! Usa la Prigione per smartphone sequestrare la causa della loro distrazione.

  • Gadget per eliminare ogni tentazione social per evitare che gli amici si distraggano
  • Prima di iniziare qualunque attività sequestrate gli smartphone
  • A attività terminata aprite la prigione e restituite gli smartphone
  • Ottima idea anche per fare periodi personali di digital detox

Con la Prigione per smartphone potrete sequestrare a tutti i vostri ospiti gli smartphone e rinchiuderli in un’apposita prigione fino a fine serata.

In questo modo se state cenando potrete passare la serata chiacchierando, come è normale che sia, evitando i tristi silenzi causati da un uso eccessivo degli smartphone.

Lo stesso vale se amate i giochi da tavolo o i giochi di ruolo. Prima di iniziare la partita si procede con il sequestro di quei gadget diabolici. Solo a fine serata, a divertimento concluso, tutti potranno ricevere di nuovo il loro amato smartphone.

La Prigione per smartphone è un’idea regalo divertente ma al tempo stesso molto utile. Una soluzione d’altri tempi a un grosso problema moderno.

E costa solo 12,90 € + spese di spedizione a questo link

Condividi l'articolo nei tuoi Social

Combattere il Tecnostress: ecco le 7 migliori tecniche di sopravvivenza nell’infolavoro

Enzo di Frenna si occupa da anni di tecnostress e del suo lavoro ne ho parlato abbondantemente in questo blog.

Torno però a parlarne oggi perché ho trovato un suo articolo dove – andando oltre le consuete e oramai note informazioni sul fenomeno – propone delle soluzioni pratiche al problema Tecnostress, con sette tecniche ‘olistiche’ per sopravvivere allo stress tecnologico sul lavoro, in particolare nelle attività – dipendenti o professionali – basate esclusivamente sull’info-lavoro.

La sua considerazione di partenza è che “la tecnologia ti ruba il tempo. Non ti aiuta a vivere con serenità. Ti aiuta sicuramente a produrre. Consumare. Comprare. Ma vivere è un’altra cosa. La tecnologia aiuta a fare molte cose in meno tempo, ma ruba anche il tuo tempo”.

Le tecniche che propone hanno quindi come obiettivo quello di aiutare gli info-lavoratori a recuperare il controllo del proprio tempo.

Le ripropongo brevemente, e rimando alla lettura completa del suo articolo per ulteriori approfondimenti.

1 – La tecnica del Tempo Bloccato

Quando hai un compito importante, decidi il tempo che vuoi dedicarci. Scrivilo su un pezzo di carta … Scriverlo ti aiuta a mantenere l’orologio mentale. Sai meglio quanto tempo ti serve per completare ogni compito importante. E poi, ogni volta, blocca questo tempo. Cioè: spegni il cellulare e non accedere a nessun altro dispositivo e/o software o pagina web. Fai solo quello. Immagina di avere un cartello sulla porta del tuo ufficio dove c’è scritto: “Non disturbare”. Concentrati su una sola cosa e blocca quel tempo. In breve, ti accorgerai che aumenta il tuo potere di focus mentale.

2- La tecnica del Respiro Profondo

Quando non hai tempo ti manca il respiro … Quando ti sembra di non aver tempo, fai un profondo respiro 1-2-3 volte. Non forzare la respirazione. Devi solo portare l’attenzione sul meraviglioso processo del respiro. Tre volte è il minimo. Ma puoi respirare profondamente anche per 3-5 minuti … il respiro consapevole e calmo è la strada maestra per recuperare la tua forza mentale e gestire meglio il tuo tempo nell’infolavoro. È un’azione semplice (tu respiri già), ma la differenza la fa la consapevolezza.

3 – La tecnica dello Stop

Quando sono preso da molti impegni, sopratutto mentre utilizzo il computer e internet, mi fermo di colpo … Do uno stop al mio corpo. Ovunque sia. Qualunque cosa stia facendo. Mi fermo per 2-3 minuti … Mi fermo di colpo e respiro … Osservo il corpo immobile … Fermarsi di colpo, come bloccati da un ghiaccio interno, è anormale. La mente lo registra come un fatto anomalo. Ha bisogno di tempo per capire perché il corpo si è fermato di colpo. Ma quella piccola frazione di tempo serve a te per recuperare energia e “tempo mentale”. Ti aiuta a centrarti. Ti fa respirare. Ti ricorda che puoi fermarti.

4 – La tecnica del Rallentare

E’ una variante della tecnica Stop … Sono tutti abituati a usare la tecnologia con una certa velocità. Le dita corrono veloci sullo schermo touch o sul trackpad. Oppure la mano muove rapidamente il mouse del computer. Ormai sono gesti automatici. Meccanici. Rallentare questi gesti abituali nell’infolavoro significa risvegliare la consapevolezza e respirare “tempo” … Mentre stai lavorando al computer, oppure usi l’iPad o il telefono cellulare, rallenta in modo notevole i movimenti. Continua a fare ciò che fai abitualmente, ma fallo  lentissimamente.

5 – La tecnica del bere molta acqua

L’acqua è vita … l’acqua è un hard disk naturale: possiede la capacità di memorizzare informazioni … Quindi se fai una pausa durante il tuo infolavoro e bevi molta acqua immetti nel tuo corpo energia liquida di grande valore … Se bevi molta acqua … ti prenderai del tempo per te stesso e allungherai il tuo “tempo mentale” in un processo naturale di ricarica energetica.

6 – La tecnica del Potere Sonoro

Il Suono è frequenza, energia, vibrazione … Il tuo pensiero è un flusso di suoni e quando “pensi troppo” a causa del sovraccarico informativo digitale, produci Tecnostress nel tuo organismo e perdi la concentrazione. Ciò facilita la dispersione e la perdita di tempo … Inoltre, la mente piena, cioè che “scoppia” di suoni-pensieri, si stanca e indebolisce anche il corpo … Scegli il tuo Suono di Potere e ripetilo ad alta voce per 2-3 minuti, oppure mentalmente se sei in compagnia di altri colleghi in ufficio … Qualunque parola-suono che scegli devi pronunciarla ad alta voce o mentalmente per almeno 2-3 minuti. Meglio ancora se per un tempo più lungo. Quando reciti un suono-parola la tua mente è costretta a focalizzarsi. Non può fare altro. Questo “trucco” interrompe e chiude tutte le altre finestre mentali.

7 – La tecnica del Rimanere nel Presente

La tecnologia ti ruba il tempo se tu sei mentalmente nel futuro. Se cioè pensi continuamente a quello che devi fare, alle scadenze dei progetti, agli impegni che ti aspettano (e per cui ti sembra di non avere tempo a sufficienza) sei sbilanciato verso il futuro … Ricordati di spostare la tua consapevolezza nel Presente. Rimani attento al Qui e Ora … Se ti ricordi che hai solo il presente come momento disponibile, sei consapevole che puoi fare il meglio solo nell’istante che stai vivendo … Rimani nel Presente e avrai più Forza e Tempo.

A questo link puoi leggere l’articolo completo.

La tecnologia ti ruba il tempo? Ecco le 7 migliori tecniche di sopravvivenza nell’infolavoro – Enzo Di Frenna

Nessuno ha tempo sufficiente. Non basta mai il tempo nella società di oggi. Corri, fai mille cose, controlli la posta elettronica più volte al giorno e ogni email è una richiesta di azione, una telefonata da fare, un messaggio da mandare, e la stessa cosa succede quando controlli continuamente il tuo stato sui social network, …

Condividi l'articolo nei tuoi Social