Browsing articles tagged with "Garante della Privacy | TECNOSTRESS"
Set 26, 2016

Garante della Privacy: il datore di lavoro non può controllare in maniera indiscriminata la posta elettronica e la navigazione web dei suoi lavoratori.

privacy-in-internet-and-email

Recentemente, il Garante della Privacy ha vietato a un’università italiana il monitoraggio massivo delle attività in Internet dei propri dipendenti.

Il caso era stato denunciato dal personale tecnico-amministrativo e docente per violazione della propria privacy e controllo a distanza.

Durante l’istruttoria, l’amministrazione ha sostenenuto che l’attività di monitoraggio erb e email era attivata saltuariamente, solo in caso di rilevamento di software maligno e di violazioni del diritto d’autore, e ha inoltre aggiunto che non venivano trattati dati personali dei dipendenti connessi alla rete.

L’istruttoria del Garante ha invece evidenziato che tutti i dati raccolti erano chiaramente riconducibili ai singoli utenti, anche grazie al tracciamento puntuale degli indirizzi Ip (indirizzo Internet) e dei Mac Address (identificativo hardware) dei diversi pc assegnati ai dipendenti.

L’infrastruttura adottata dall’Università consentiva la verifica costante e indiscriminata degli accessi utenti alla rete e all’email utilizzando sistemi e software che operavano in background e non necessari per lo svolgimento delle attività lavorative, violando lo Statuto dei Lavoratori (anche nella nuova versione modificata dal cosiddetto Jobs Act) che in caso di controllo a distanza prevede l’adozione di specifiche garanzie per il lavoratore.

Per ultimo, l’Università non aveva fornito agli utilizzatori della rete un’idonea informativa privacy, se non una mera comunicazione al personale del regolamento relativo al corretto utilizzo delle attrezzature informatiche, violando così il principio di liceità alla base del trattamento.

“Il datore di lavoro non può controllare a tappeto email e web del lavoratore”

ROMA – Il datore di lavoro non puù controllare in maniera indiscriminata la posta elettronica e la navigazione web dei suoi lavoratori. Perché questo è in contrasto con il Codice della privacy e con lo stesso Statuto dei lavoratori. La decisione è stata adottata dal Garante, che ha vietato a un’università il monitoraggio massivo delle attività in Internet dei propri dipendenti.


Altri articoli di questo periodo relativi al tema del controllo e dei suoi limiti da parte del datore di lavoro delle attività internet dei propri lavoratori:

I lavoratori devono essere informati. Il datore di lavoro non può spiare le mail
Intervento di Antonello Soro, Presidente Garante privacy

I lavoratori devono essere informati. Il datore di lavoro non può spiare… – Garante Privacy

I lavoratori devono essere informati. Il datore di lavoro non può spiare le mail Intervento di Antonello Soro, Presidente del Garante per la protezione dei dati personali Ma davvero, da oggi, i lavoratori europei potranno essere spiati dai loro datori di lavoro?

Corte di Strasburgo: l’email aziendale può essere controllata e portare al licenziamento

Corte di Strasburgo: l’email aziendale può essere controllata e portare al licenziamento

lavoro Un’email può costare il posto il lavoro. Anche se il contenuto è personale. A decretarlo, mentre in Italia si dibatte sul controllo a distanza previsto dal Jobs Act, la Corte europea dei diritti umani, che in una sentenza ha stabilito che una società privata non viola il diritto alla privacy di un dipendente quando controlla le sue comunicazioni sugli account aziendali.

Controllo delle e-mail aziendali e rischio di licenziamento: facciamo chiarezza!

Può il datore di lavoro leggere la mail aziendale del dipedente?

https://www.europolinvestigazioni.com/blog-europol/11-blog/227-Mail-dipendente-il-datore-di-lavoro-può-leggerla%3F.html

Jobs Act, ora l’azienda può controllare il lavoratore usando smartphone e pc

Jobs Act, ora l’azienda può controllare il lavoratore usando smartphone e pc – Il Fatto Quotidiano

Computer, tablet, smartphone e badge. Con il Jobs act, tutti questi strumenti di lavoro potranno essere controllati dall’azienda senza un precedente accordo sindacale. E sulla base dei dati raccolti, l’impresa potrà prendere provvedimenti disciplinari nei confronti dei dipendenti. Si tratta di una delle novità più delicate previste dal decreto semplificazioni della riforma del lavoro, approvato in via …

Condividi l'articolo nei tuoi Social

Categorie degli articoli

HTML Editor - Full Version

Scopri DynDevice: la piattaforma e-Learning per creare, erogare e gestire tutta la formazione aziendale online, in aula e blended. DynDevice un LMS facile da utilizzare e completo nelle funzionalità.

error: Content is protected !!