Browsing articles tagged with "Tecnostress | TECNOSTRESS"
Set 21, 2020

Smart Work, Stress e Tecnostress: la nuova frontiera.

Il ‘Tecnostress‘ è una sindrome causata dall’uso costante, simultaneo, spesso eccessivo di tecnologie dell’informazione e di apparecchi informatici e digitali. 

Ce ne occupiamo da anni su questa pagina, raccogliendo spunti e ricerche, con particolare attenzione ai suoi effetti e agli strumenti di valutazione e prevenzione nel contesto lavorativo.

Il lavoro agile (smart working) e il Tele-lavoro sono i nuovi modi di lavorare che abbiamo imparato a conoscere in una sorta di “percorso accelerato” in questi mesi di lockdown, lavorando dalle nostre case, con un uso ancora più ampio e sistematico di piattaforme digitali e collaborative diverse.

Non a tutti è nota la distinzione tra queste due tipologie di lavoro ‘agile’. Approfondiamo meglio.

Cos’è lo smart work (lavoro agile)

Lo smart work (lavoro agile) è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro; una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorire la crescita della sua produttività.

La definizione di smart working è contenuta nella Legge n. 81/2017 e pone  dei punti fermi, tra cui:

• la possibilità che la prestazione lavorativa sia svolta in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno, senza una postazione fissa entro i soli limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale;

• la previsione secondo cui la prestazione lavorativa possa svolgersi attraverso l’uso di strumenti tecnologici e nel caso in cui sia il datore di lavoro ad assegnarli al lavoratore, egli rimane responsabile anche della loro sicurezza e del loro buon funzionamento;

• la previsione della stipula di un accordo scritto tra le parti, anche con forme di organizzazione per fasi, cicli, obiettivi e senza precisi vincoli di orario o di luogo di lavoro.

Ai lavoratori agili viene garantita la parità di trattamento – economico e normativo – rispetto ai loro colleghi che eseguono la prestazione con modalità ordinarie.

In seguito alla recente emergenza epidemiologica da COVID-19 (coronavirus), il Presidente del Consiglio dei ministri ha emanato il nuovo Decreto legge del 17 marzo 2020, n. 18, che interviene sulle modalità di accesso allo smart working, confermate anche dalle successive disposizioni emanate per far fronte all’emergenza.

In sostanza, è stato raccomandato il massimo utilizzo della modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza.

Cos’è il tele lavoro

Il tele lavoro è un modo di lavorare indipendente dalla localizzazione geografica dell’ufficio o dell’azienda, facilitato dall’uso di strumenti informatici e telematici e caratterizzato da una flessibilità sia nell’organizzazione, sia nella modalità di svolgimento.

Tipicamente, il telelavoro consiste nel trasferimento dell’attività lavorativa dalla sede aziendale ad altra sede stabile, tipicamente la casa del lavoratore, dove il datore trasferisce le stesse responsabilità di idoneità e sicurezza che avrebbe avuto in ufficio. 

Requisito essenziale del telelavoro è la dotazione di strumenti informatici e telematici adeguati da parte dell’azienda. 

Normativamente, il telelavoro è regolato dall’accordo interconfederale del 9 giugno 2004. Contrattualmente, è una scelta definitiva o a lungo termine regolata da un contratto collettivo che disciplina il rapporto tra il datore e i dipendenti.

Ma quindi nel lockdown abbiamo fatto Smart Working o Tele lavoro?

Facciamo chiarezza su questo punto. 

Lo smart work non ha sede, non ha orario, è agile per sua definizione.

Il lavoro della maggior parte di noi durante il lockdown non è stato ‘agile’, è stato ‘il solito’, ma fatto da casa: timbri il cartellino in entrata, ti colleghi alla rete aziendale, fa le tue cose che avresti fatto uguali in ufficio, bevi un caffè che ti ha portato il tuo convivente, ogni tanto ti alzi, vai in bagno, timbri l’uscita per il pranzo, e così via.

Come ben evidenzia Paolo De Vincentiis in un articolo su il Sole 24 Ore management “Tante aziende pensano di fare smart working, ma in realtà è solo telelavoro. La differenza non è solo banalmente linguistica, ma identifica modalità operative e inquadramento giuridico completamente diversi. …. Passare dal telelavoro allo smart working è un cambio di paradigma così profondo possibile solo se la cultura aziendale lo permette; cioè se è flessibile e pronta alla trasformazione”. 

Quindi – in conclusione – la maggior parte di noi in questi mesi – tutti coloro che si sono trovati a lavorare da casa utilizzando strumenti informatici, magari anche nostri, ma per un orario prestabilito e con il rituale più o meno spra descritto, hanno fatto telelavoro, non smart working.

 Detto questo, e vista la confusione sul tema, assumiamo d’ora in poi solo il termine “smart working” anche per intendere “tele lavoro” per tutto il resto dell’articolo.

Smart Work: i vantaggi per il lavoratore

Smart work o telelavoro che sia, ci dicono che ci sono degli evidenti vantaggi per chi utilizza questi nuovi modi di lavorare:

Puoi gestire meglio il proprio tempo e migliorare l’equilibrio vita lavorativa-vita personale.

Puoi risparmiare denaro per spostamenti e pranzi e altri costi correlati allo spostamento e permanenza al luogo di lavoro

Puoi aumentare la tua produttività secondo il ragionamento: lavori da casa, sei meno stressato, svolgi il lavoro più serenamente, aumenti la produttività.

Avrai un aumento della fiducia e della motivazione verso la tua azienda.

Lavori con una maggior consapevolezza dei tuoi obiettivi e delle opportunità di crescita professionale e personale.

Puoi godere di una certa flessibilità sia in termini di orari, sia in termini di spazi.

Avrai la sensazione di lavorare in un ambiente dinamico, trasparente, innovativo e collaborativo.

Smart Work: i vantaggi per le aziende

Anche le aziende hanno notevoli benefici quando i lavoratori lavorano in modo ‘smart’ o da casa in telelavoro. Brevemente, i principali sono:

Riduzioni dei costi riguardo gli ambienti di lavoro (affitti, utenze e manutenzioni), l’ottimizzazione dei processi, l’utilizzo di tecnologie collaborative

Aumento brand awareness aziendale

Miglioramento della produttività del singolo lavoratore e dei team

Sviluppo di ambienti di lavoro coesi, trasparenti, collaborativi

Semplificazione della gestione del personale

Aumento della fidelizzazione del personale

Smart Work: gli svantaggi

Sembra che lo smart work sia una cosa che ha benefici per tutti. Non è vero.

L’enorme uso dello smart working fatto in Italia dal periodo di lockdown e ancora in questi mesi, ha iniziato a rivelare il suo ‘lato oscuro’.

I lavoratori coinvolti nello smart working hanno evidenziato vecchi e nuovi sintomi e sindromi, che agiscono a livelli differenti, e che ci mostrano un ampia e nuova frontiera dello stress e tecnostress che è necessario conoscere.

Eccoli:

Sintomi fisici e psicologici

Sovralimentazione/alimentazione errata. Lavorare in smart working non fa bene alla dieta e, in generale, favorisce situazioni di errata alimentazione. Il rischio di passare dalla spuntino continuo provvisto dal frigo di casa alle pause pranzo davanti al monitor è sempre presente.

Sedentarietà/aumento di peso. Con lo smart working si resta sempre in casa; muoversi nel percorso letto, scrivania, cucina e ancora scrivania non va bene e non fa bene. Si resta almeno otto o nove ore al giorno completamente fermi. E’ un vero attentato alla salute e al benessere dei lavoratori.

Problemi muscolo-scheletrici e oculo-visivi, tipici del lavoratore videoterminalista, che rischiano di peggiorare con il lavoro a casa in assenza di luoghi di lavoro, di attrezzature e monitor non adeguati. Con lo smart working l’ergonomia del lavoro è un sogno.

Solitudine/alienazione. Lavorando da casa, e considerando che il lockdown è stato un periodo di totale isolamento dall’esterno, si dissolvono gli aspetti sociali della vita lavorativa, utili per il benessere del lavoratore. Nonostante oggi esistano varie piattaforme tecniche per coordinare il lavoro a distanza, lavorare in smart working può portare all’isolamento e alla mancanza di interazione sociale con i colleghi.

Problemi nella concezione sociale dello Smart Working. Il lavoro a distanza viene talvolta considerato di ‘valore inferiore’ rispetto al lavoro in sede, sia da parte dell’azienda, sia in famiglia, con un conseguente aumento delle richieste di prestazioni – spesso contemporanee – in entrambi gli ambiti.

Facili distrazioni dovute al fatto di lavorare da casa (altre attività contemporanee, interferenza di persone nell’ambiente di lavoro, altre richieste della famiglia) e situazioni di convivenza forzata possono appesantire il carico psicologico del lavoratore.

Gestione della famiglia e accudimento dei figli durante l’orario di lavoro. Per le donne, lo ‘smart working’ è meno ‘smart’ e più pesante del solito lavoro d’ufficio. Perché c’è la famiglia – che se lavori da casa ti è sempre accanto con le sue esigenze . e spesso ci sono anche dei figli da gestire. Situazione già difficile in tempi normali, figurarsi durante il lockdown, con la chiusura totale di asili e scuole e l’obbligo assoluto di convivenza familiare.

Sintomi lavorativi

Disorganizzazione delle attività lavorative quotidiane. Con lo smart working il lavoratore deve organizzazione i tempi e la qualità del proprio lavoro. Ma in una situazione dove si annullano i confini tra vita privata e lavorativa (e senza una specifica formazione), è molto facile per il lavoratore cadere nella disorganizzazione.

Difficoltà nella gestione del tempo. Lavorando da casa, risulta difficile riuscire a separare in maniera netta e chiara ciò che è lavoro e ciò che è casa, con il rischio di non darsi un limite di tempo per lo svolgimento dell’attività lavorativa. “Time porosity” è la situazione di reciproca interferenza e sovrapposizione tra tempo di lavoro e tempo di vita, che può condurre a conflitti personali e familiari.

La “Telepressione”. La connessione ‘always on” e il flusso continuo i informazioni dall’azienda ai lavoratori agisce su di loro spingendoli a rispondere più rapidamente e ad essere disponibile online più a lungo del normale. Si può arrivare a vere e proprie sindromi da Workaholism. dove la necessità di lavorare diventa così forte che può costituire un pericolo per la salute, le relazioni interpersonali e il funzionamento sociale.

Crollo della motivazione. Senza un controllo esterno dell’operatore, il lavoratore già costretto ad un processo autonomo di organizzazione delle attività da svolgere, può incappare in qualche problema che non è in grado di risolvere da solo e incorrere in un crollo della motivazione con un abbassamento della prestazione lavorativa.

Reperibilità continua del lavoratore. Nello smart working ‘puro’ il lavoratore svolge la sua attività senza precisi vincoli di orario e gestendo in autonomia l’organizzazione del proprio tempo. Questa possibilità viene spesso interpretata dall’azienda come una situazione di reperibilità continua, gestita attraverso una tecnologia sempre connessa. Situazione molto presente e delicata, al punto che la normativa per lo smart working prevede espressamente:
– delle fasce concordate di reperibilità del lavoratore, al di fuori delle quali non può essere chiamato. Le prestazioni da svolgersi in un arco temporale non superiore alle 13 ore giornaliere; un periodo di riposo minimo di 11 ore ogni 24 e di 48 ore dopo 5 giorni di lavoro consecutivo.
– la sorveglianza sanitaria e la tutela in caso di malattia e infortunio, analoga a quella di chi lavora in sede.
– delle interruzioni di 15 minuti ogni 120 minuti di applicazione continuativa al monitor per le attività di lavoro agile che necessitano l’impiego di un computer, anche portatile, in modo sistematico o abituale.

Modifica dell’aspetto sociale del lavoro. L’organizzazione aziendale è un tessuto di conversazioni che costituiscono essenziali momenti di socialità per i lavoratori. Rispetto all’ambiente di un classico ufficio, l’organizzazione virtuale è più sottile e con legami meno stretti e rischia di escludere le fasce più deboli dei dipendenti e la circolazione di idee e conoscenze.

Problemi con l’uso di tecnologie

Carenza di formazione nell’uso delle tecnologie e nel lavoro da remoto. I lavoratori in ‘smart work’ si sono trovati improvvisamente proiettati nel lavoro telematico al 100%, spesso senza conoscenze tecniche e metodologiche in grado di aiutarli a gestire le apparecchiature, i software e l’organizzazione del lavoro.

Sovraccarico di informazioni (information Overload). Un classico. Che nello ‘smart work’ viene enfatizzato dalla pluralità di tecnologie in uso e dalle problematiche (tecniche e personali) nell’utilizzo delle stesse. Il lavoratore è raggiunto con continuità da una grande quantità di informazioni, che con grande fatica per acquisisce ed elabora, fino al limite fisico che questa invasione informativa produce: l’overload, a cui spesso segue il burnout. Per un approfondimento del burnout nello smart working si veda le testimonianze in questo articolo “Ho rischiato il burnout da smart working”.

Nevrosi da iper-connessione. L’uso eccessivo della strumentazione a distanza, la spersonalizzazione delle relazioni professionali, la sensazione di dover sempre essere allineati con il lavoro in corso, il riversamento di tempo dal privato al lavoro connesso, possono portare il lavoratore a delle forme di nevrosi tecnologica da iper-connessione.

Nevrosi da latenza delle tecnologie. E’ successo a tutti lavorando in ‘smart work’: il video s’impalla, la voce su skype arriva a scatti, la scrivania condivisa non si vede, eccetera. Ed è tutto un chiedersi “mi senti?”, “Lo vedi'”, “prova a entrare e uscire dalla riunione” e così via. Tutti quei mille problemi tecnici (dovuto alla mancanza di formazione, alle tecnologie inadeguate, a sistemici problemi sulla rete italiana dati) che affossano il concetto di ‘lavoro agile’ e producono tanto tempo perso, molte riunioni incomprensibili e quindi inutili, un crollo dell’attenzione al lavoro e della propria motivazione personale.

Problema anagrafico. Lo ‘smart working’ per le masse ha coinvolto lavoratori giovani, mentalmente attrezzati per questo tipo di lavoro, ma anche tutti i lavoratori meno giovani (nel pubblico impiego l’età media dei dipendenti pubblici è 50,4 anni) che hanno faticato a gestire da soli le tecnologie informatiche (vedi punto formazione), a usare le diverse piattaforme software, a gestire le videochiamate, eccetera.

Cyber Security. Se lo smart working favorisce le azienda dal punto di vista dei costi strutturali e della gestione del personale, può renderle più facilmente penetrabili dall’esterno (a livello di dati e sistemi informatici) ad attacchi di Cyber Crime. L’allargamento delle dimensioni del network in cui vengono scambiate le informazioni aziendali è un grave rischio.
Sono quindi necessarie a livello aziendale delle attività di cyber security adeguata: specifiche policy e procedure interne; formazione specifica dei lavoratori; installazione di VPN (Virtual Private Network per proteggere il traffico in ingresso e in uscita; sistemi di gestione dei dispositivi con software antivirus.
Fa parte di quest’area anche l’uso di dispositivi personali per l’attività lavorativa (il cosiddetto BYOD – Bring Your Own Device) che è elemento caratteristico dello smart working, ma che pone il problema di un possibile attacco ai dati e ai sistemi aziendali portato con un account privato del dipendente. Un approfondimento su questo tema qui a cura di cybersecurity360.

Smart work e Tecnostress: alcune tecniche di prevenzione e contrasto

La situazione è complicata.

Da un lato abbiamo i risvolti positivi che comporta lavorare da casa, sia per l’azienda che per i dipendenti. Dall’altra tutti i rischi personali, professionali e relativi all’uso di tecnologie emersi in questi mesi.

Ma lo smart work (o il tele lavoro) è qui per restare, anzi, per diventare la principale modalità di lavoro per una vastissima serie di professioni. E’ quindi necessario per i lavoratori ‘smart’ o ‘tele’ avere delle informazioni su come contrastare lo stress e il tecnostress generati dallo smart working.

Nulla di trascendentale, solo una serie di conoscenze, accorgimenti e consigli per non “prendersi troppo male” quando si lavora da casa.

Metti le cose in chiaro nel contratto
In una ‘normale’ situazione di ‘smart work’ è necessario che lavoratore e azienda definiscano il più esattamente possibile i confini delle loro prerogative, al fine di evitare che la legittima ingerenza del datore di lavoro nello svolgimento della prestazione lavorativa divenga occasione di ingerenza nella sfera personale del lavoratore. In soldoni, significa, ad esempio, ‘niente telefonate dall’azienda al lavoratore dopo l’orario concordato di fine lavoro giornaliero’.
Questo ‘accordo tra le parti’ non è previsto per l’attività di ‘tele-lavoro’. Nella situazione dei mesi scorsi, dove di fatto si è assistito a un trasferimento massivo e coatto di lavoratori dall’ufficio a casa, la continuità di collegamento ha favorito la comunicazione tra azienda e lavoratore oltre il normale orario di lavoro, in assenza di regolamentazione.

Leggi la disciplina del diritto alla disconnessione
Idem come sopra. E’ un diritto contrattuale del lavoratore in ‘smart work’ essere irreperibile, non essere cioè soggetto a richieste e sollecitazioni per via telematica provenienti dal datore di lavoro al di fuori dell’orario lavorativo. La legge che regola il lavoro agile gli riconosce infatti «il diritto alla disconnessione dalle strumentazioni tecnologiche e dalle piattaforme informatiche di lavoro senza che questo possa comportare, di per sé, effetti sulla prosecuzione del rapporto di lavoro o sui trattamenti retributivi» subordinandolo al «rispetto degli obiettivi concordati e delle relative modalità di esecuzione del lavoro autorizzate dal medico del lavoro, nonché delle eventuali fasce di reperibilità»).
Devi conoscerla, questa legge, perché il diritto alla disconnessione è un ottimo strumento per garantirti il rispetto della durata dell’orario lavorativo.

Separa vita privata e lavorativa
Sforzati di lasciare fuori la tua vita privata dalla tua giornata lavorativa. E quando lavori, non farti prendere la mano. Uno dei rischi più frequenti dello smart working è il burnout, cioè lo stress estremo dovuto a un eccesso di lavoro. Definisci con precisione qual è il tuo tempo di lavoro, e rispettalo.

Poniti degli obiettivi
Che siano pratici e concreti: che cosa voglio fare oggi? A quante e quali mail devo assolutamente rispondere? Che progetti devo portare avanti e come? Porti degli obiettivi ti aiuta ad avere delle priorità e a gestire meglio il carico di lavoro, che nello smart work da spesso l’impressione di essere incessante.

Mantieni le routine
Anche se lavori in smart working, mantenere le solite routine come se lavorassi in ufficio può aiutarti a tenere la situazione sotto controllo. L’obiettivo è cercare di attenersi il più possibile alla routine lavorativa rispettando gli stessi orari dell’ufficio.
Quindi: sveglia al solito orario, igiene, colazione, ci si veste (magari senza abito formale, ma non in mutande) e poi si attacca il lavoro, fino a quando si timbra per il pranzo. E così via. Questa è una routine.

Pianifica il lavoro
Il rischio dello Smart Working è la dispersione, di concentrazione e di tempo. È importante sviluppare un progetto e portarlo a termine in modo qualitativo e solo dopo averlo terminato, concentrarsi sul successivo.
Prima di lavorare, pianifica accuratamente le attività da svolgere, specificando obiettivi, modalità e tempi di lavoro. Buona idea quella di dedicare del tempo, appena svegli o già dalla sera prima, per preparare una “to-do list” delle attività da svolgere durante la giornata. Ottimo smarcare le attività man mano che vengono svolte.
Ricordati che lavori da casa, pianifica anche le commissioni personali o familiari in modo da avere una visione completa di cosa fare nella giornata. Per la pianificazione del lavoro di gruppo, sono molto utili le piattaforme di project management (come Trello o Slack) che danno a tutti i partecipante una panoramica completa sui compiti, scadenze e risorse impiegate.

Migliora la tua postazione di lavoro
Devi avere una spazio di lavoro adeguato per tutto il tempo che ci dovrai passare. Meglio se puoi creare una zona di lavoro permanente. Hai bisogno di uno spazio luminoso e gradevole, e senza distrazioni per avere privacy e concentrazione. Circondati di materiali e colori che ami, arricchendo la postazione con una pianta, un oggetto che ti piace o una bacchetta d’incenso. E’ il tuo spazio personale.
Per ridurre gli effetti della fatica fisica e mentale hai bisogno di una scrivania e una sedia da ufficio ergonomica. Parlane con il datore di lavoro, e cerca di farti fornire una seduta di qualità.
Organizza l‘angolo studio per rendere il lavoro più agile e veloce e sfrutta al massimo gli spazi che hai a disposizione tramite organizzatori, faldoni e porta-documenti. Fai in modo che sia facile mantenere pulito e ordinato l’ambiente.
Cerca di mantenere l’attenzione sulla tua postura mentre lavori: non tenere gambe accavallate per troppo tempo, non lavorare utilizzando sedute che non agevolano posture ergonomiche (come i divani o le poltrone), mantieni la corretta posizione della testa sia quando si utilizzano dispositivi elettronici che quando si legge (usa un appoggio rialzato del foglio).

Organizza e migliora le tue tecnologie
Strumenti adeguati sono fondamentali per un lavoro ‘smart’ efficace e meno stressante. Lavorare con un mouse che non funziona bene, con uno schermo che sfarfalla o una tastiera su cui bisogna digitare con forza rende l’attività stressante.
Quindi organizza e dove possibile migliora le tecnologie che usi per lavoro. Un computer ‘moderno’ con microfono e telecamera, meglio se fornito dal datore di lavoro; una connessione wi-fi rapida ed efficace; un accesso a dei dischi remoti condivisi dove salvare e mettere a disposizione il proprio lavoro: questo è il set minimo per facilitare tutte le attività online.
Puoi aggiungere monitor grandi, mouse e dischi esterni, webcam, cuffie e sistemi audio, supporti per portatili e reggi-fogli.  Valuta questo aspetto anche in base agli strumenti che mette a disposizione il datore di lavoro e alle piattaforme che dovrai utilizzare.

Datti delle regole sull’uso delle tecnologie
Cerca di limitare il numero di tool e device sui quali sei reperibile contemporaneamente e di limitare il multitasking dispersivo.
Meglio utilizzare un solo strumento (come l’email) per le comunicazioni formali e i report sulle attività e un altro strumento (chat) per la comunicazione estemporanea sull’andamento del lavoro.
Ricordati che spesso con una telefonata si fa prima che a scrivere lunghi messaggi.
Videocall con moderazione, meglio per riunioni con più partecipanti ma con regole ben definite. Ritorneremo sull’argomento.
Lavori con computer? Si alla musica, anche via web, No a Whatsapp, Telegram o altre app di messaggistica: troppe distrazioni. Lavori con mobile? Disattiva le notifiche dei tuoi social personali quando lavori.

Rimani in contatto con i colleghi e il team
Limita la sensazione di solitudine provocata dallo smart working contattando e interagendo spesso con i colleghi, sia per la programmazione e il progress del lavoro (magari per concordare obiettivi e sfide comuni), sia per scambiarsi un saluto o un battuta. Lo scambio di informazioni e feedback è utile per mantenere attiva la motivazione personale e a livello di gruppo.
Utile non disperdere la comunicazioni su diversi canali (email, chat, Skype, Meet, eccetera), molto meglio utilizzare piattaforme di project management che consentono di gestire collettivamente il lavoro, con una panoramica completa sui compiti da portare a termine, le scadenze da rispettare e le risorse dedicate ad ogni incarico.

Fai delle pause periodiche
In ufficio ogni tanto ci si muove, ma lo smart working è brutalmente sedentario e immersivo. Ma le pause sono fondamentali per il tuo benessere fisico e mentale. Quindi fai delle brevi pause ogni 45-60 minuti, per alzarsi e camminare qualche minuto. Fai anche sempre la pausa per il pranzo tutte le pause necessarie per andare in bagno.
Per obbligarsi a fare delle pause, puoi usare la scusa di fare piccole faccende domestiche. Per sgranchire un po’ le gambe puoi camminare durante le telefonate e, se si abiti in un condominio, usare le scale invece dell’ascensore.
Se fai fatica a prenderti delle pause puoi usare la famosa “tecnica del pomodoro”, creata alla fine degli anni ’80 da Francesco Cirillo. Il nome si ispira ai classici timer da cucina, spesso a forma di pomodoro (ma anche arancia, limone…). Basta impostare il timer a 25 minuti durante i quali immergersi nel lavoro, rimandando tutte le distrazioni a quando sarà suonato il timer. Ogni periodo è intervallato da 5 minuti di pausa e si può arrivare fino a 4 periodi per poi prendersi una pausa più lunga di almeno mezz’ora. Nei 5 minuti di pausa, oltre a gestire messaggi e telefonate, prendiamoci un momento per gratificarci con qualcosa che ci piace, un caffè o un pezzo del nostro artista musicale preferito.

Condividi gli orari di lavoro con i tuoi familiari o conviventi
Informa la famiglia o i conviventi dei tuoi orari di lavoro e chiedi di non essere disturbato e di rispettare il tuo spazio di lavoro. Cerca di ridurre eventuali interruzioni esterne e, al contrario, no farti fagocitare da lavoro e cerca di mantenere dei momenti di partecipazione alle attività familiari.

Controlla l’alimentazione
Evita gli spunti continui, non farti servire troppi caffè, cerca di mantenere un’alimentazione leggera. E soprattutto, ricordati di bere spesso, e magari mangiare della frutta.

Defatica la vista
Quando lavori con i monitor devi defaticare periodicamente la vista con esercizi specifici o semplicemente guardando per un certo tempo fuori dalla finestra un oggetto o panorama distante. La famosa regola del 20x20x20 (guardare a 20 metri per almeno 20 secondi ogni 20 minuti) è efficace per rilassare i muscoli oculari e favorire al concentrazione, prevenendo fastidiosi disturbi come le cefalee.

Fai attività fisica
Visto che hai del tempo libero perché non devi andare in ufficio usalo per fare esercizio fisico. Fai dieci volte le scale del condominio, o esci a camminare di lena per qualche chilometro, oppure fai ginnastica a casa. Se non sei in grado di darti un programma, prova con le app di fitness, ce ne sono di ottime per fare sessioni casalinghe di ginnastica, streching, yoga, eccetera e ti aiutano a fare esercizio in modo regolare.

Consigli per le aziende …

Dopo una sfilza così di suggerimenti per i lavoratori, non potevano esimerci dal dare qualche consiglio anche ai datori di lavoro.

Fate attività di formazione e informazione
Cioè spiegate ai dipendenti attivi in smart working o tele lavoro le specificitàdel loro lavoro, lo scenario di vantaggi e svantaggi, i rischi potenziali di queste tipologie di attività. Formateli in modo specifico all’utilizzo degli strumenti e delle piattaforme più comunemente utilizzati nel lavoro.

Fornite tecnologie adeguate
Fate un censimento delle dotazioni strumentali e di connessione a disposizione dei lavoratori per operare da remoto; aggiornate le strumentazione obsolete o, meglio ancora, tutti gli strumenti digitali, anche in una logica di sicurezza aziendale; dateli ai lavoratori in comodato gratuito. In generale, aiutate il lavoroatore a costruire il set di lavoro più consono alle sue esigenze, sia dal punto di vista tecnologico, sia da quello ergonomico. E se il costo di connessione da casa è a carico del lavoratore siate carini, fategli un rimborso, anche a forfait sarà gradito.

Fornite formazione sugli strumenti smart
Facile dire ‘Facciamo un meet’ e se uno non l’ha mai fatto? Fate un’elenco delle piattaforme, dei portali e dei programmi che utilizzate per lavoro e fate della formazione (mini-video o epserienza dal vivo) ai vostri lavoratori per mostrare il funzionamento di questi programmi o servizi. Più i vostri lavoratori sono formati all’utilizzo di ambienti informatici, più il lavoro filerà senza (troppe) interruzioni.

Foto in apertura di Vlada Karpovich da Pexels

Mar 25, 2019

Technostress: un’analisi tecnica del fenomeno. Articolo di Massimo Servadio

Riprendo per intero e rilancio l’articolo “Technostress: un’analisi tecnica del fenomeno” che Massimo Servadio (Psicoterapeuta e Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni) ha scritto su PuntoSicuro di qualche mese fa.

L’articolo ripercorre velocemente la nascita e la diffusione del tecnostress in generale e nel mondo del lavoro. Per approfondire questo aspetto, Servadio espone il modello per la comprensione del technostress proposto da Ragu-Nathan che identifica i technostress creators (technostressori) che influenzano la soddisfazione lavorativa e alcuni technostress inhibitors (moderatori e inibitori), che possono ridurre (e in alcuni casi inibire) il technostress.

Technostress: un’analisi tecnica del fenomeno

“Una nuova tecnologia non aggiunge e non sottrae nulla: cambia tutto” (Neil Postman)

Nel lontano 1984, in concomitanza dell’uscita del suo nuovo libro “Technostress: the human cost of computer revolution”, lo psicologo americano Craig Broad pone l’accento sull’emersione di un nuovo fenomeno, quello dello stress relativo all’uso delle nuove tecnologie. Definisce il technostress come “un disagio moderno causato dall’incapacità di coabitare con le nuove tecnologie del computer”. È il primo ad affrontare questo tema, mentre l’umanità comincia a rapportarsi con una “primitiva” rivoluzione tecnologica.

Devono passare dodici anni prima che qualcuno si interessi nuovamente al technostress, quando il professor Richard A. Hudiburg presenta la ricerca “Assessing and Managing Technostress” sulla relazione tra stress, nuove tecnologie e attività del bibliotecario.

Un anno dopo, gli psicologi Michelle Weil e Larry Rosen pubblicano il libro “TechnoStress: Coping with Technology @Work @Home @Play”, nel quale ampliano la definizione di technostress fornita da Broad e lo definiscono “ogni impatto o attitudine negativa, pensieri, comportamenti o disagi fisici o psicologici causati direttamente o indirettamente dalla tecnologia”. Il tema irrompe nel mondo del lavoro e delle aziende.

A partire dagli anni Novanta, sempre più studiosi si sono dedicati a questo tema e oggi il technostress ricopre una posizione di importante interesse. Al di là della definizione che è stata data del fenomeno, tutti condividono come questo sia legato all’utilizzo delle tecnologie, più comunemente chiamate ICT (Information and Communication Technologies).

Le potenziali caratteristiche di pervasività, complessità, utilità, affidabilità e dinamicità delle ICT contribuirebbero allo scatenarsi del technostress.

Se ci pensiamo infatti, al giorno d’oggi è possibile osservare: una sempre maggiore dipendenza di manager e lavoratori dalle ICT (smartphone, tablet, computer); una sempre maggiore sofisticatezza delle ICT dovuta alla costante introduzione di versioni aggiornate di software e hardware, le quali richiedono conoscenze sempre più complesse, creando così una sostanziale differenza tra la conoscenza richiesta per svolgere il compito e la conoscenza dei lavoratori e dei manager; un cambiamento significativo dell’ambiente di lavoro e della cultura (email, videoconferenze, programmazione elettronica, team di lavoro virtuali, multitasking che possono portare ad astrazione dal lavoro e a isolamento sociale).

D’altronde, l’attenzione al rischio dello stress lavoro correlato è stata posta fin dall’inizio del millennio, con l’Accordo Quadro Europeo dell’8 ottobre 2004.

Ma chi è colpito dal technostress?

Si potrebbe rispondere che tutti sono technostressati! La tecnologia si è evoluta a tal punto da ricoprire i diversi aspetti della giornata. Tra tutte le tecnologie, quella che di maggior utilizzo comune è sicuramente lo smartphone. Viviamo in un’epoca in cui 8 persone su 10 possiedono uno smartphone e chi non lo ha spesso provvede a procurarsene uno.

Dire però che tutte le persone sono technostressate e far intendere che lo smartphone è l’unica fonte di stress può essere fuorviante. In effetti, solo recentemente gli studi hanno cominciato a concentrarsi sulle conseguenze relative al troppo utilizzo dello smartphone e a come ciò possa condurre al technostress.

In verità, le ricerche che fino ad ora hanno indagato il technostress si sono focalizzate su aziende e organizzazioni. In particolare, sono state intervistate persone sempre a contatto con le ICT nel loro lavoro e, quindi, più soggette al rischio di technostress.

È giusto allora chiedersi: quali sono i fattori che creano technostress? Ed esistono fattori che possono ridurlo?

In molti si sono impegnati per rispondere a questa domanda. Per convenienza, si farà riferimento al modello proposto da Ragu-Nathan e colleghi. Questi infatti, hanno proposto un modello per la comprensione del technostress, identificando alcuni technostress creators (technostressori), i quali influenzerebbero la soddisfazione lavorativa, l’organizational commitment e la continuance commitment del lavoratore:

1.    Techno-overload: le ICT moderne consentono ai lavoratori di gestire simultaneamente flussi di informazione da fonti diverse, permettendogli di lavorare più velocemente e più a lungo, ma al di sopra di quelle che sono le loro capacità; in questo modo si sentono “sovraccaricati” e non sono capaci di porre dei limiti rispetto alle informazioni in entrata;

2.    Techno-invasion: la capacità delle ICT di rendere la persona sempre reperibile impedisce di separare il lavoro dalla vita privata; ciò porta a sperimentare sentimenti di non essere mai liberi da queste tecnologie e che il loro tempo e il loro spazio siano stati invasi;

3.    Techno-complexity: i continui aggiornamenti delle ICT le rendono sempre più difficili da imparare ad utilizzare, obbligando i lavoratori a spendere gran parte del loro tempo nel tentativo di padroneggiarle; di conseguenza, la percezione che le ITC da utilizzare siano complesse, può far scaturire nei lavoratori un senso di avversione, paura ed ansia;

4.    Techno-insecurity: questi continui aggiornamenti che consentono alle ICT di cambiare rapidamente possono portare i lavoratori a sentirsi minacciati da queste, a causa delle quali temerebbero di perdere il proprio lavoro perché sostituiti da nuove ICT o da colleghi che ne hanno una maggiore padronanza;

5.    Techno-uncertainty: i continui cambiamenti delle ICT, inoltre, possono creare nei lavoratori insicurezza per la necessità di aggiornamenti sempre richiesti da queste che, oltre ad essere un processi delicati poiché comportano la presa di decisioni rispetto alla configurazione e alla modificazione delle stesse, successivamente i lavoratori potrebbero riscontrare comunque problemi relativi alla poca documentazione, agli errori dei programmi, alla perdita dei dati e alla mancanza di un adeguato supporto tecnico.

Accanto a questi, sono stati identificati anche alcuni inhibitors (moderatori e inibitori), che possono ridurre (e in alcuni casi inibire) il technostress laddove l’esposizione ai creators è inevitabile.

1.    Supporto organizzativo e tecnico: la possibilità di training e assistenza rispetto all’utilizzo delle nuove ICT, in particolare durante i primi giorni, può aiutare a ridurre il technostress; può essere d’aiuto anche includere i lavoratori durante le fasi di implementazione e pianificazione della tecnologia;

2.    Centralità della tecnologia: se l’utilizzatore percepisce le ICT come parte integrante e fondamentale dell’attività lavorativa, migliorando così le prestazioni lavorative, allora possono essere viste come meno stressanti;

3.    Autoefficacia tecnologica: più si scelgono compiti adatti alle proprie competenze e ci si sforza nel raggiungimento di un obiettivo, più aumenta l’autoefficacia percepita, maggiore sarà la spinta a misurarsi con dei compiti complessi.

4.    Oltre questi, ricoprono una posizione importante anche le differenze individuali che comprendono educazione, genere, età e tratti di personalità.

In conclusione, è chiaro come quello del technostress sia un tema serio e rilevante nella società odierna, che non deve essere preso sottogamba.

Rispetto al passato, di sicuro il fenomeno ha assunto un discreto interesse, ma è necessaria comunque una maggiore sensibilizzazione rispetto ai rischi e alle conseguenze che possono emergere all’interno dell’organizzazione e che, soprattutto, possono interessare il singolo individuo.

È ovviamente possibile difendersi e prevenire questo fenomeno attraverso l’utilizzo, ad esempio, di tecniche di rilassamento, come il training autogeno e la mindfulness.

Massimo Servadio


Fonte originale dell’articolo: PuntoSicuro

Grande novità per i tecnostressati di Pisa e Livorno!

immagine-sportello

E’ attivo il primo sportello gratuito “Tecnostress e Dipendenza Tecnologica”, in collaborazione con la Pubblica Assistenza Litorale Pisano- ANPAS.

Lo sportello è rivolto ad una utenza la cui problematica è nella smodata ed eccessiva relazione con Internet, Social Network, Smartphone, eccetera, che può causare difficoltà psicologiche di vario tipo; tra cui: alienazione ed isolamento, disturbi dell’attenzione, difficoltà relazionali, stati depressivi, eccetera.

Si tratta di un servizio specifico per persone che sentono di avere una problematica nell’interazione con le tecnologie, capiscono che questo inficia la loro qualità della vita e del lavoro in modo permanente, con comportamenti che possono anche ‘sconfinare’ in un quadro psicopatologico, oltre che causare condizioni di stress lavorativo ma anche sociale e relazionale.

Questo sportello di natura socio-sanitaria è particolarmente indicato, ad esempio, per lo studente che vuole studiare ma non riesce disturbato dall’uso smodato dello smartphone; per coloro che intendono perseguire un progetto di lavoro dove le tecnologie ostruiscono la strada invece di essere di aiuto; per le persone che rimanendo a casa senza lavoro vengono ‘fagocitati’ dall’uso tecnologico per compensare tale disagio; per i lavoratori che capiscono quanto e come questa sia una forma di evitamento da un lavoro spesso non gratificante; per le persone che hanno smesso di ‘lottare’ nella vita e si ‘rifugiano’ nelle tecnologie in modo ossessivo.

Lo sportello – localizzato presso il servizio di Pubblica Assistenza Litorale Pisano (via della Repubblica Pisana, 68, 56128 Pisa) – è aperto il giovedì pomeriggio ed è gratuito, basta richiedere un appuntamento al numero 050 36750, oppure sul sito palitoralepisano.it.

L’ideazione e le attività dello sportello “Tecnostress e Dipendenza Tecnologica” sono a cura del dott. Alessandro Drago – Psicoterapeuta e Psicologo del Lavoro.

Tecnostress e orario di lavoro: chi può lavorare solo 5 ore al giorno?

technostress-ricerca

Periodicamente – direi circa una volta all’anno, di solito in primavera – ritorna la notizia che lavorare meno ore fa lavorare meglio e con migliori risultati. Nel 2015 si parlava di 6 ore al giorno, invece di 8 o anche più, sull’esempio di aziende private ed enti pubblici svedesi.

Però – come ben sappiamo nella parte di lavoratori digitali – su 8 ore di lavoro si riesce al massimo ad essere produttivi per 5/6 ore, non di più, a causa delle continue interruzioni dell’attenzione generate dalle tecnologie.

Secondo una recente ricerca di Bain & Company (che puoi scaricare in versione originale cliccando qui), un manager di livello medio lavora per 47 ore settimanali. Di queste, 21 dedicate a riunioni che coinvolgono più di quattro persone e 11 impiegate a email, chat, telefonate. Al lavoro vero e proprio, resterebbero 15 ore settimanali, poco più di 2 ore al giorno considerando una settimana lavorativa spalmata su cinque giorni.

Solo 2 ore al giorno di lavoro veroSe la tecnologia frena la produttività

produttività Telefonate, email, videoconferenze. Si sono spesi fiumi d’inchiostro sullo smartworking. Ma il lavoro intelligente aumenta davvero la produttività? Quando si timbrava il cartellino e si “staccava” dall’ufficio, si raggiungevano meno obiettivi di quelli di oggi?

Quest’anno l’argomento si ripropone, con una particolare attenzione per l’età del lavoratore: più sale l’età, meno si deve lavorare per poter essere efficaci. Dopo una certa età (individuata nei 40 anni), per contribuire al benessere della propria salute mentale, bisognerebbe lavorare 25 ore a settimana, o meglio tre giorni e riservare gli altri quattro giorni alle proprie passioni.

Questi sono i risultati di uno studio realizzato da Shinya Kajitani della ‘Meisei University’ e della ‘University of Melbourne’ (Australia), Colin McKenzie della ‘Keio University’ (Giappone) e Kei Sakata della ‘Ritsumeikan University’ (Giappone).

Lo studio, che è stato pubblicato su ‘Melbourne Institute Worker Paper serie’s‘, ha preso in considerazione un campione di 3.000 uomini e 3.500 donne. Di tale gruppo sono state valutate le abitudini lavorative e i parametri di salute ed è emerso che un part time verticale o orizzontale è il mix giusto tra gli stimoli ricevuti e un utilizzo non logorante delle proprie capacità. I ricercatori, infatti, hanno riscontrato nei vari test a cui erano stati sottoposti i membri del campione che un eccesso di richieste porta il cervello a regredire, mentre una quantità modica di lavoro al contrario è stimolante per il cervello.

Molto bello e suggestivo come ragionamento, ma mi sembra completamente avulso dall’attuale situazione del mercato del lavoro italiano.

Voi conoscete qualcuno che può permettersi di lavorare solo 25 ore alla settimana? (io uno lo conosco …) Soprattutto nel settore tecnologico e dell’informazione, dove tutte le ricerche indicano in minimo 8 ore con tendenza alle 10 e oltre l’impegno quotidiano dei lavoratori digitali, e spesso anche il sabato e la domenica …

A questa riflessione è dedicato l’articolo di qualche giorno fa di Di Frenna su ‘Il fatto quotidiano’ intitolato “Tecnostress, lavori più di 5 ore al giorno? Ecco i rischi che corri“.

Tecnostress, lavori più di 5 ore al giorno? Ecco i rischi che corri – Il Fatto Quotidiano

Siamo più connessi e più stanchi. Quasi tutte le professioni ormai necessitano l’uso di computer, cellulare, tablet, posta elettronica, internet, e un flusso enorme di informazioni entra nel nostro cervello. E dobbiamo elaborare tutto con velocità. Ma con quali rischi? Eccoli: mal di testa cronico, ansia, ipertensione, attacchi di panico, insonnia, disturbi cardiocircolatori e gastrointestinali, e, …

Lug 10, 2016

Allarme Tecnostress per i medici e i lavoratori della sanità

Alle tante cause che si annoverano come scatenanti e motivo di stress nel settore sanitario, adesso se ne aggiunge una nuova: la tecnologia.

Secondo un studio americano, la maggior parte dei medici che fanno uso di cartelle cliniche elettroniche e software di registrazione delle prenotazioni, tendono nel tempo, ad essere insoddisfatti, perché costretti a passare troppo tempo in mansioni di segreteria piuttosto che al “capezzale” del paziente.

Leggi gli articoli direttamente da quotidianosanità.it e infermieristicamente.it

Stress in corsia. E se fosse colpa anche della tecnologia?

01 LUG – (Reuters Health) – Secondo quanto emerge da un recente studio statunitense, la maggior parte dei medici che fanno uso di cartelle cliniche elettroniche e di software di registrazione delle prenotazioni, tendono ad essere meno soddisfatti a causa del tempo, troppo, che spendono nelle mansioni di segreteria e -sempre secondo lo studio – sono a più alto rischio di burnout rispetto ad altri sanitari che utilizzano le tradizionali modalità cartacee.

Tecnologia in corsia: secondo uno studio americano è causa di stress e burnout

Lo stress in corsia non è di certo un fenomeno nuovo; tutte le figure professionali che hanno a che fare con persone che hanno bisogno di aiuto, sono a rischio stress lavoro correlato e a rischio burnout. Alle tante cause che si annoverano come scatenanti e motivo di stress, adesso sembra aggiungersene una nuova: la tecnologia.

Pagine:1234»