Combattere il Tecnostress: ecco le 7 migliori tecniche di sopravvivenza nell’infolavoro

Enzo di Frenna si occupa da anni di tecnostress e del suo lavoro ne ho parlato abbondantemente in questo blog.

Torno però a parlarne oggi perché ho trovato un suo articolo dove – andando oltre le consuete e oramai note informazioni sul fenomeno – propone delle soluzioni pratiche al problema Tecnostress, con sette tecniche ‘olistiche’ per sopravvivere allo stress tecnologico sul lavoro, in particolare nelle attività – dipendenti o professionali – basate esclusivamente sull’info-lavoro.

La sua considerazione di partenza è che “la tecnologia ti ruba il tempo. Non ti aiuta a vivere con serenità. Ti aiuta sicuramente a produrre. Consumare. Comprare. Ma vivere è un’altra cosa. La tecnologia aiuta a fare molte cose in meno tempo, ma ruba anche il tuo tempo”.

Le tecniche che propone hanno quindi come obiettivo quello di aiutare gli info-lavoratori a recuperare il controllo del proprio tempo.

Le ripropongo brevemente, e rimando alla lettura completa del suo articolo per ulteriori approfondimenti.

1 – La tecnica del Tempo Bloccato

Quando hai un compito importante, decidi il tempo che vuoi dedicarci. Scrivilo su un pezzo di carta … Scriverlo ti aiuta a mantenere l’orologio mentale. Sai meglio quanto tempo ti serve per completare ogni compito importante. E poi, ogni volta, blocca questo tempo. Cioè: spegni il cellulare e non accedere a nessun altro dispositivo e/o software o pagina web. Fai solo quello. Immagina di avere un cartello sulla porta del tuo ufficio dove c’è scritto: “Non disturbare”. Concentrati su una sola cosa e blocca quel tempo. In breve, ti accorgerai che aumenta il tuo potere di focus mentale.

2- La tecnica del Respiro Profondo

Quando non hai tempo ti manca il respiro … Quando ti sembra di non aver tempo, fai un profondo respiro 1-2-3 volte. Non forzare la respirazione. Devi solo portare l’attenzione sul meraviglioso processo del respiro. Tre volte è il minimo. Ma puoi respirare profondamente anche per 3-5 minuti … il respiro consapevole e calmo è la strada maestra per recuperare la tua forza mentale e gestire meglio il tuo tempo nell’infolavoro. È un’azione semplice (tu respiri già), ma la differenza la fa la consapevolezza.

3 – La tecnica dello Stop

Quando sono preso da molti impegni, sopratutto mentre utilizzo il computer e internet, mi fermo di colpo … Do uno stop al mio corpo. Ovunque sia. Qualunque cosa stia facendo. Mi fermo per 2-3 minuti … Mi fermo di colpo e respiro … Osservo il corpo immobile … Fermarsi di colpo, come bloccati da un ghiaccio interno, è anormale. La mente lo registra come un fatto anomalo. Ha bisogno di tempo per capire perché il corpo si è fermato di colpo. Ma quella piccola frazione di tempo serve a te per recuperare energia e “tempo mentale”. Ti aiuta a centrarti. Ti fa respirare. Ti ricorda che puoi fermarti.

4 – La tecnica del Rallentare

E’ una variante della tecnica Stop … Sono tutti abituati a usare la tecnologia con una certa velocità. Le dita corrono veloci sullo schermo touch o sul trackpad. Oppure la mano muove rapidamente il mouse del computer. Ormai sono gesti automatici. Meccanici. Rallentare questi gesti abituali nell’infolavoro significa risvegliare la consapevolezza e respirare “tempo” … Mentre stai lavorando al computer, oppure usi l’iPad o il telefono cellulare, rallenta in modo notevole i movimenti. Continua a fare ciò che fai abitualmente, ma fallo  lentissimamente.

5 – La tecnica del bere molta acqua

L’acqua è vita … l’acqua è un hard disk naturale: possiede la capacità di memorizzare informazioni … Quindi se fai una pausa durante il tuo infolavoro e bevi molta acqua immetti nel tuo corpo energia liquida di grande valore … Se bevi molta acqua … ti prenderai del tempo per te stesso e allungherai il tuo “tempo mentale” in un processo naturale di ricarica energetica.

6 – La tecnica del Potere Sonoro

Il Suono è frequenza, energia, vibrazione … Il tuo pensiero è un flusso di suoni e quando “pensi troppo” a causa del sovraccarico informativo digitale, produci Tecnostress nel tuo organismo e perdi la concentrazione. Ciò facilita la dispersione e la perdita di tempo … Inoltre, la mente piena, cioè che “scoppia” di suoni-pensieri, si stanca e indebolisce anche il corpo … Scegli il tuo Suono di Potere e ripetilo ad alta voce per 2-3 minuti, oppure mentalmente se sei in compagnia di altri colleghi in ufficio … Qualunque parola-suono che scegli devi pronunciarla ad alta voce o mentalmente per almeno 2-3 minuti. Meglio ancora se per un tempo più lungo. Quando reciti un suono-parola la tua mente è costretta a focalizzarsi. Non può fare altro. Questo “trucco” interrompe e chiude tutte le altre finestre mentali.

7 – La tecnica del Rimanere nel Presente

La tecnologia ti ruba il tempo se tu sei mentalmente nel futuro. Se cioè pensi continuamente a quello che devi fare, alle scadenze dei progetti, agli impegni che ti aspettano (e per cui ti sembra di non avere tempo a sufficienza) sei sbilanciato verso il futuro … Ricordati di spostare la tua consapevolezza nel Presente. Rimani attento al Qui e Ora … Se ti ricordi che hai solo il presente come momento disponibile, sei consapevole che puoi fare il meglio solo nell’istante che stai vivendo … Rimani nel Presente e avrai più Forza e Tempo.

A questo link puoi leggere l’articolo completo.

La tecnologia ti ruba il tempo? Ecco le 7 migliori tecniche di sopravvivenza nell’infolavoro – Enzo Di Frenna

Nessuno ha tempo sufficiente. Non basta mai il tempo nella società di oggi. Corri, fai mille cose, controlli la posta elettronica più volte al giorno e ogni email è una richiesta di azione, una telefonata da fare, un messaggio da mandare, e la stessa cosa succede quando controlli continuamente il tuo stato sui social network, …

Comments are closed.

Categorie degli articoli

error: Content is protected !!